“Il gioco serio del teatro” presenta Giorgio Borghetti diretto da Antonello De Rosa

0
13

Venerdì 22 Luglio, alle  ore 21,  “Scena Teatro” presenta in prima nazionale Giorgio Borghetti in “ IL SOGNO DI UN UOMO RIDICOLO” di Fedor M.Dostoevskij, musiche  di Michelangelo Maio per la regia di Antonello De Rosa nell’ambito della rassegna teatrale “Il Gioco serio del teatro” presso il Museo Diocesano di Salerno.

“Sono un uomo ridicolo.Adesso poi loro dicono che sono pazzo…” così Fedor M.Dostoevskij parlava del suo capolavoro,o forse di se stesso .

Un racconto scritto intorno al 1876 da Dostoevskij che riesce a parlarci ancora oggi della necessità dell’utopia proprio in un momento in cui il futuro, più che un sogno fantastico, è un incubo distopico. Per Dostoevskij l’uomo deve porsi degli obiettivi positivi perché la felicità sulla Terra può esistere e cercarla non solo ha senso, ma è forse l’unica cosa che abbia senso fare. L’opera narra di un sogno che il protagonista fa all’età di quarantasei anni, probabilmente in uno dei suoi momenti di profonda e tragica introversione. Convinto ormai che tutto gli sia  indifferente e meditando il suicidio, acquista una rivoltella e la carica; tuttavia, non si spara subito, ma ripone l’arma in un cassetto, aspettando il momento giusto per compiere l’ultimo atto.

Consapevole che tutto gli è ormai indifferente, pretende che almeno l’ultima azione della sua vita, il suicidio appunto, venga compiuta in un preciso istante in cui avverte che non proprio tutto gli risulti indifferente. Dopo aver preso la sua decisione s’imbatte in una bambina che piange disperata e che invoca il suo aiuto; sua madre sta per morire e nessuno corre in loro soccorso. Ma il protagonista la scaccia con brutalità e con l’ostentata indifferenza di chi, avendo deciso di farla finita, non vuole minimamente preoccuparsi dell’altrui sofferenza.

Così torna alla sua abitazione, una bettola piena di ubriaconi e continue risse. Nella sua camera comincia a riflettere sugli accadimenti occorsigli, accorgendosi d’aver provato compassione e pietà per la povera bimba incontrata per strada. Così la compassione provata per lei lo distrae dal suo proposito autodistruttivo, tanto da pentirsi e vergognarsi del suo atteggiamento.A questo punto giunge ad una sua “Visione della Verità”…

E non poteva che essere Giorgio Borghetti, uno degli attori italiani più carismatici ed affascinanti a portare il scena uno dei capolavori della letteratura straniera. Giorgio Borghetti attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano è da tempo considerato anche uno dei migliori  doppiatori a livello mondiale. Ama come pochi il suo lavoro tanto che parlando della sua carriera ha affermato :”Durante la mia carriera ho variato molto, dal padre di una figlia premuroso, al personaggio cattivo e spietato. L’importante è che ci sia una storia da raccontare. Fin quando ci sarà la possibilità di raccontare delle storie con la mia anima e sensibilità continuerò a fare questo mestiere.È fondamentale riconoscere la professionalità dei doppiatori e non soltanto dare voce e importanza ai talent. Il doppiaggio è una professione seria e come tutte le professioni può essere fatto bene e può essere fatto male.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui