Al Teatro Verdi “Il Trovatore” con il maestro Daniel Oren

0
11

Teatro- di Antonietta Doria-

“Un Trovatore chiaro e immediato senza stravolgimenti, io amo- per il mio senso estetico-riprodurre quello che è stato lo spirito e il gusto dell’epoca in cui l’opera è stata creata. Il Trovatore è un lavoro complesso ma contemporaneamente lineare e semplice caratterizzato da un veloce susseguirsi di immagini, scene e avvenimenti  con un andamento rapido e concitato che quasi senza sosta tiene lo spettatore legato alla scena  in forza di ritmo e passioni accese”. Così Renzo Giacchieri responsabile della regia, dei costumi e delle luci si esprime, nell’intervista di Claudia Cianciulli, in riguardo al’opera presentata al Massimo cittadino.

L’opera in quattro parti tratta dal libretto di Salvadore Cammarano, Leone Emanuele Bardare, è tratto dal “El Trovador” di Antonio Garcia Gutièrrez,  con musiche di Giuseppe Verdi, vanta la sua prima rappresentazione a Roma, al Teatro Apollo, il 19 gennaio 1853.

Al Verdi di Salerno si è assistito, dunque,  all’opera che fa parte delle cosiddetta trilogia verdiana, insieme al Rigoletto ed alla Traviata;  l’ “opera rossa” verdiana, intrisa di amore, passione vendetta; un vero dramma di “cappa e spada” magistralmente diretta da Daniel Oren , con Tiziana Carlini, maestra del coro, Alfredo Troisi, responsabile delle scene e Francesco Rosa , assistente al direttore d’Orchestra.  Sul palco salernitano l’Orchestra Filarmonica salernitana “Giuseppe Verdi” ed il Coro del teatro dell’Opera di Salerno.

Un fratricido in piena regola, quello rappresentato, tra il conte di Luna, Massimo cavalletti e il Trovatore Manrico, Gustavo Porta, che si combattono senza conoscersi; tanti i personaggi: una donna, Leonora, Irina Moreva che ama un uomo fuggendo quello che la ama; una madre, la zingara Azucena, Violeta Urmana, che si ritroverà a bruciare il proprio figlio per un torto subìto, lasciando che la storia faccia il proprio corso fino ad arrivare al duello fratricida.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui