Salernitana: Roma padrona all’Arechi

0
140

salernonews24-sport- di Carlo Vetromile-

Un deludente esordio casalingo in Serie A ieri sera allo stadio Arechi, dove la Salernitana, scesa in campo per la seconda giornata di campionato, è stata sconfitta 4 a 0 dalla Roma di José Mourinho.

Tralasciando la bellezza dell’atmosfera vissuta per la prima partita in massima serie, giocata a Salerno dopo ben 23 anni e l’indiscussa superiorità dell’avversario, quella vista dai tifosi è stata una Salernitana a metà, solida e combattente nel primo tempo, ma distratta e incapace di reagire nella ripresa, trovando dinanzi a sè una Roma che sicuramente è tra le pretendenti per la lotta allo scudetto.

Mister Castori ha preparato bene la partita da un punto di vista tattico, almeno per la prima parte, terminata 0-0, chiudendo gli spazi in difesa e non concedendo la possibilità alla Roma di verticalizzare per vie centrali, punto forte della formazione allenata dal tecnico portoghese. Così i Granata hanno resistito agli attacchi avversari, concentrati per lo più sulle fasce, provando a giocare di rimessa, ma senza concludere mai pericolosamente in porta.

Nel secondo tempo è bastata una disattenzione difensiva per concedere a Pellegrini, capitano giallorosso, la possibilità di portare in vantaggio la squadra ospite. Da questo momento in poi, la Salernitana è stata completamente assente, in balia del possesso palla romanista. I giocatori granata sono rimasti passivi, senza forza di reagire, non tanto per agguantare il pareggio, ma per evitare una goleada che purtroppo non è tardata ad arrivare. Risultato finale al 90’: 0-4.

Sono evidenti a tutti i limiti tecnici di questa squadra, incapace di impostare qualsiasi tipo di gioco: sia con palla lunga verso gli attaccanti, per la poca precisione in quasi tutti i lanci effettuati, sia con palla a terra, perché nei diversi contropiede tentati, la Salernitana a stento ha concluso due passaggi consecutivi, raggiungendo con estrema difficoltà, per tutta la gara, la tre/quarti avversaria. Queste lacune, intraviste anche nella prima partita di Bologna, in serie A non sono ammissibili. Certo, si sono manifestate con evidenza contro un avversario di spessore come la Roma, ma non è detto che squadre meno blasonate non possano fare risultato contro le big, vedi l’Empoli con la Juventus.

Inizio di campionato che non promette bene, servono interventi immediati in queste ultime ore di mercato, con innesti di giocatori adatti alla categoria, adatti alla Serie A.

Con la sosta dovuta agli impegni delle nazionali, ci sarà un po’ di tempo per trovare soluzioni alternative, per esempio schemi su calci piazzati, al momento non pervenuti, e proporre un minimo di gioco per mettere in difficoltà gli avversari. Perdere fa parte del gioco, ma bisogna tirare fuori il carattere e saper reagire.

Speriamo di non dover assistere ad una lunga e lenta agonia, che renda la Salernitana una delle squadre cuscinetto del campionato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui