Salernitana in A, la cerimonia a Palazzo di Città

0
219

-di Carlo Vetromile –

In attesa che venga risolto il problema legato alla multiproprietà, nella tarda mattinata di oggi, sono proseguiti i festeggiamenti per la promozione in massima serie della Salernitana, presso il Salone dei Marmi del Comune di Salerno, ” lì dove ben 10 anni fa avvenne il passaggio di consegna del titolo da parte dell’ex sindaco Vincenzo De Luca al presidente Claudio Lotito”, come ha ricordato l’attuale Sindaco Vincenzo Napoli.

E proprio quest’ultimo ha commentato: –Abbiamo accolto con affetto la nostra amata Salernitana – ha dichiarato il Sindaco Napoli- nel salone più illustre e ricco di storia della casa comunale. Proprio qui, dieci anni fa, è iniziata questa storia. E ora possiamo dirlo con orgoglio. Missione compiuta: la Salernitana è in Serie A. È la vittoria di tutta la città, dei suoi straordinari tifosi, di una squadra nel vero senso della parola. Grazie ai giocatori, al mister, alla dirigenza, a tutto lo staff per il sogno che ci avete regalato. Per noi da oggi siete cittadini del cuore-. 

Il sindaco insieme all’assessore allo Sport Angelo Caramanno ha omaggiato con targhe celebrative la società di Lotito e Mezzaroma durante una cerimonia svolta nel più totale clima di festa e serenità, a poco più di una settimana dalla vittoria di Pescara.

Inizia da qui un nuovo capitolo di storia della squadra granata, presente oggi con giocatori, staff tecnico e direttore sportivo, tutti consapevoli di aver raggiunto un grande obiettivo, atteso in città da ben 23 anni, consolidando così con grande sinergia il rapporto sia con i tifosi, sempre presenti, come dimostrato in questi anni, ma allo stesso tempo anche con l’amministrazione comunale.

Importante sarà quindi il compito di quest’ultima nel procedere con le migliorie da apportare allo stadio Arechi, per consentire al “Principe degli stadi” di esprimere il massimo potenziale lì dove merita, sui grandi palcoscenici, perché, come ricordato dall’Assessore Caramanno, ” l’Arechi è uno stadio di serie A” .

A ricordare gli episodi di 10 anni fa è stato anche Claudio Lotito, ricordando l’entusiasmo iniziale con il quale è stato accolto, “l’impegno assunto e poi mantenuto, con molta soddisfazione e orgoglio”. Lolito ha omaggiato una squadra, una società che con il lavoro e con la compattezza di un solido gruppo è riuscita ad arrivare davanti ad altre, blasonate, ben più attrezzate e favorite sulla carta.

Non resta che aspettare per non vedere gettato al vento tutto ciò che è stato costruito in questi anni, trovando una soluzione agli attuali problemi normativi, che “assecondi le esigenze della città e il rispetto delle regole”, garantendo alla Salernitana di continuare il suo cammino tra le squadre del calcio che contano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui