Euro 2020: l’Italia vince soffrendo con l’Austria e passa ai quarti

0
55

salernonews24-Sport- di Emanuele Petrarca-

Serviva una squadra tosta, fisicamente ben disposta e vogliosa di rovinare i nostri piani, per ricordare a tutti che, per continuare a sognare, l’Italia avrà bisogno di tanta grinta, tanta sofferenza e tantissima umiltà. La paura di 120 minuti thriller è svanita nel tempo di un abbraccio che valeva quanto una liberatoria attestazione di attaccamento alla maglia e di paura che questa avventura potesse svanire sotto i colpi di una fin troppo imprevedibile Austria.

L’abbraccio in questione  è quello che ha coinvolto Gigio Donnarumma e Roberto Mancini, in seguito alla perla siglata nei supplementari da Federico Chiesa che ha sbloccato il match. Uno dei più giovani, ma anche dei più rappresentativi, di questo gruppo si è sentito il dovere e l’obbligo di festeggiare con chi stava per vedere il proprio status di “idolatrato” svanire a causa della paura che ha attanagliato i nostri.

Proprio “paura” è la parola più consona per descrivere la partita degli Azzurri che, fin dal primo minuto,  si sono ritrovati spiazzati dall’agonismo proposto dalla coraggiosa Austria di Franco Foda e dai suoi interpreti, tra i quali Alaba, Sabitzer, Arnautovic e Grillitsch.

Gli Azzurri sono spaesati e timorosi, tanto da perdere quegli automatismi che apparivano così naturali durante la fase a gironi. Immobile manca di movimento e di mordente, nonostante risulti il più pericoloso colpendo un palo da 30 metri; Insigne fatica a trovare lo spunto giusto e Berardi è palesemente in giornata no.

Mentre l’Austria picchia, gioca e palleggia, i nostri si ritrovano nella inconsueta situazione di non sapere cosa fare e anche giocatori come Barella e Verratti son sembrati normali pedine di uno scacchiere che si tingeva più dei colori austriaci che di quelli azzurri e il solo Spinazzola è sembrato essere effettivamente in palla grazie alle sue, ormai note, sgroppate.

Nei 90 minuti, l’Austria trova anche il gol del vantaggio con Arnautovic, annullato dal VAR per fuorigioco e conduce un secondo tempo ineccepibile rispetto ai nostri. Bisognava cambiare qualcosa e bisognava cambiare, necessariamente, anche marcia ed è per questo che nei momenti di paura, ci si affida a chi ha qualcosa da dimostrare a se stesso e al mondo e a chi, fino a quel momento, aveva visto i compagni soffrire dalla panchina.

Entra Federico Chiesa, uno che raramente ha paura di mettersi in gioco, poi seguono Pessina e Belotti e questi tre cambi, di fatto, regalano agli azzurri il pass per Monaco di Baviera.

Chiesa inventa un gol che è figlio di chi avrebbe voluto spingere a tutti i costi quel pallone in porta, raccogliendo un cross di Spinazzola, eludendo il difensore e segnando il gol che libera le catene della paura degli azzurri. È Pessina, su grande protezione del pallone e assistenza di Belotti, a segnare il gol del 2-0 con un diagonale imprendibile e a nulla serve il clamoroso colpo di testa, sul primo palo, di Kalajdzic che ridà apprensione ai nostri.

L’Italia vince soffrendo e l’abbraccio tra Donnarumma e Mancini è l’attestato perfetto di una serata stregata che è riuscita, in qualche modo, a diventare gioiosa. Da oggi, nel nostro cammino ci saranno solo avversarie di grande livello, ma ci godiamo la vittoria e il pass per i quarti di finale a Monaco di Baviera, dove il nostro inno riecheggerà, ancora una volta, durante quest’incredibile avventura di Euro 2020.

 

 

Le immagini presenti negli articoli sono utilizzate a scopo puramente illustrativo e didattico. Qualora dovessero violare eventuali diritti di Copyright, si prega di scrivere immediatamente al seguente indirizzo email direttore@salernonews24.it per farle  rimuovere. /The images in the articles are used for illustrative and educational purposes only. Should they violate any copyright rights, please write immediately to the following email addresses for the removal of the same: direttore@salernonews24.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui