Dopo Paganese e Casertana, ancora due episodi di violenza nel mondo del basket e del futsal. Borrelli:” I violenti in galera”

0
24

Dopo i vergognosi scontri tra tifosi della Paganese e quelli della Casertana, si sono registrate altre violenze nel mondo dello sport.

Parliamo della società di pallacanestro casertana Sporting Club Juvecaserta che ha visto aggredire i propri atleti al rientro negli spogliatoi al termine della partita a Ruvo di Puglia. L’altro episodio  si è registrato dopo la gara di futsal tra a Trilem Casavatore e Futsal Quarto, valida per il campionato regionale Under 19, e finita col risultato di 5-2 per i padroni di casa.

Questa la denuncia della società flegrea: “Il presente comunicato non vuole in alcun modo essere un alibi per quanto avvenuto in campo poiché, al di là del risultato – che non ha nessuna importanza – vogliamo segnalare episodi avvenuti dopo la gara: in particolare, aggressioni ai nostri calcettisti e a nostri tesserati da persone presenti sul campo.

Degno di menzione è l’episodio che ha visto una persona adulta aggredire il nostro calcettista Mario Troiano, che era a bordo campo, a cui sono state sottratte le stampelle ed è stato percosso con le stesse nel punto dove ha riportato, recentemente, una frattura al piede.

Poco dopo, lo stesso aggressore di Troiano è tornato spalleggiato da almeno tre o quattro persone, di cui uno ha colpito al capo, con il calcio di una pistola, l’allenatore della nostra Under 19 Marco Sbriglia. Ci teniamo a sottolineare che Marco Sbriglia ha rimediato un trauma cranico, ma senza particolari conseguenze. Il nostro allenatore ha provveduto a sporgere denuncia per il fatto accaduto.

Dopodiché, questi personaggi sono andati via e hanno lasciato nel panico l’intero palazzetto di Casavatore, calcettisti e tesserati della Trilem Casavatore inclusi, nonché genitori e persone vicine a entrambe le società. Auspichiamo che la responsabilità di quanto avvenuto venga accertata quanto prima dalle forze dell’ordine, al fine di identificare gli aggressori e prendere i giusti provvedimenti. Ringraziamo per la solidarietà la società Trilem Casavatore.

I carabinieri sono intervenuti in campo e i calcettisti sono stati condotti in caserma, dove hanno riferito alle forze dell’ordine su quanto accaduto. Successivamente, i vigili ci hanno scortati fino alla tangenziale per guadagnare in sicurezza l’uscita dal comune di Casavatore.

Condanniamo fermamente quanto accaduto, che nulla ha a che vedere col risultato della gara, né tanto meno può accadere in un torneo sportivo, specialmente un campionato Regionale Under 19, dove si esibiscono dei giovani ragazzi, spesso minorenni.Come società ci impegneremo al massimo nella collaborazione con le forze dell’ordine affinché chi ha perpetrato violenza oggi, in un luogo di sport, venga riconosciuto e sottoposto alla resa delle proprie azioni dinanzi alla Legge.Al di là della sconfitta che è maturata sul campo, in quanto ASD Futsal Quarto, noi ci sentiamo responsabili dell’incolumità dei nostri tesserati e valuteremo il da farsi per il prosieguo della nostra attività a livello giovanile, poiché il nostro interesse primario è garantire ai ragazzi di andarsi a divertire sui campi in massima sicurezza, al di là di ogni risultato sportivo.”.

“Chiediamo che vengano presto individuati tutti i responsabili di entrambi gli episodi e che si proceda a punirli duramente. Come abbiamo, più volte, ripetuto per il calcio, non basta allontanare certi delinquenti dagli spalti, servono condanne detentive. Solo così si può pensare di cominciare a ripulire il mondo dello sport.”- hanno affermato il deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli ed il conduttore radiofonico de La Radiazza Gianni Simioli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui