Passa per Napoli il Festival cinematografico itinerante

0
13

Nazra: uno sguardo sulla Palestina-

di Giorgio Coppola

Uno sguardo sui diritti umani, sulla giustizia, sulle possibilità negate; una cinepresa per dare movimento ai sentimenti, e poterne parlare liberamente. Tutto questo è Nazra, Palestine Short Film Festival, una rassegna itinerante, partita da Venezia, per passare,poi, a Bologna, Firenze, Roma e Napoli, prima di spiccare il volo per Gaza, Gerusalemme e Ramallah.

Nazra è lo sguardo e la percezione che si ha degli altri, ma anche di noi stessi
Il dialogo paritario che si vorrebbe promuovere è quello dell’amore per il cinema e l’espressione artistica, come modalità di comunicazione oltre i muri reali o virtuali che isolano e oltre le differenze di vita e culturali. Con queste finalità, il festival propone alcuni lungometraggi realizzati da artisti indipendenti palestinesi, che, con i pochi mezzi a disposizione, ma con talento e voglia di raccontare, mostrano cosa significhi spendere la propria vita sotto una costante occupazione.

Giunge ora nella città partenopea; una tre giorni, dal 19 al 21 ottobre, per confrontarsi, lanciando uno sguardo oltre i muri. Un modo per arricchirsi e formare una personale opinione. Al contempo, per dare la possibilità a chi non l’ha di mostrare la propria attitudine artistica.
Si parte giovedì 19 ottobre, dalle 9.30 alle 13.30, con la proiezione dei primi sei film in concorso, premio “Giuria Giovani”, presso il PAN, Palazzo delle Arti Napoli. Interverranno esponenti di Amnesty International Italia, di Assopace Palestina, e della Comunità Palestinese in Campania. Inoltre, il regista Hamdi alHroub e alcune scuole di Napoli, tra cui il Liceo Umberto.
Il giorno dopo, con medesima location e medesimo orario, è prevista la proiezione di altri sei lungometraggi, otre al film fuori concorso “Voglio o’ sole”, realizzato dagli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Adriano Thingher” di Ercolano.
Il pomeriggio di venerdì 20 ottobre, dalle 15, la rassegna si sposterà alla Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli, dove saranno proiettati i film selezione premio “Oltre Le Mura”, e si potrà assistere alla rappresentazione teatrale “Samud u Ahlam”, un monologo di Annette Henneman.
La conclusione sabato 21, presso la Basilica di San Giovanni Maggiore, dalle 17 alle 21, nella Sala del Capitolo, con le ultime proiezioni e le premiazioni finali.
La rassegna è a cura di Assopace Palestina, École Cinéma e Restiamo umani con Vik in collaborazione con: Film Commission Campania, LiceoClassico Umberto I° di Napoli, Associazione Ex Alunni Liceo Umberto, Comunità Palestinese in Campania, Donne in Nero – Napoli, Ide&Azioni Associate, Le/gli studentesse/i delle Scuole partecipanti al Premio “Giuria Giovani”, ass. Guanxi Le insegnanti e le detenute Premio “Oltre le Mura” Casa Femminile Circondariale Pozzuoli. Con il Patrocinio del Comune di Napoli Assessorato alla Cultura e alle Politiche Sociali, Comune di Napoli e il contributo dell’ Accademia di Belle Arti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui