Covid-19. Vacanze nostrane: le mete più gettonate e le regole da rispettare

0
182

-di Maria Gabriella Alfano-

Dopo il via libera agli spostamenti e l’inizio ufficiale dell’estate scandito dal solstizio del 21 giugno, in tanti stanno cominciando a organizzarsi per le vacanze estive.

Le Agenzie di Viaggio hanno riaperto i battenti e stanno ricevendo la clientela che timidamente comincia a chiedere consigli sulle località da scegliere.

Anche se la maggior parte dei Paesi europei ha riaperto le frontiere, secondo la ricerca effettuata da Quorum/YouTrend per Wonderful Italy, nei prossimi mesi gli italiani non andranno all’estero: 9 su 10 resteranno in Italia e per il 66% sceglieranno il mare.

Le Agenzie salernitane che ho contattato confermano questo trend turistico.

Prima di decidere dove andare, è importante informarsi sugli adempimenti da compiere prima della partenza. Alcune Regioni hanno emesso -infatti- ordinanze che dettano criteri e regole per chi soggiorna nel loro territorio tra cui l’obbligo di registrazione per i turisti in arrivo.

La Sardegna è una delle mete più gettonate. Chi intende andarci deve registrarsi prima della partenza compilando il modulo on line pubblicato su  https://www.sanita.puglia.it/autosegnalazione-coronavirus indicando il luogo di provenienza, quello di destinazione e gli eventuali spostamenti che pensa di effettuare nel corso del periodo di soggiorno nell’isola. Due giorni prima della partenza dovrà compilare un questionario relativo al proprio stato di salute.

Chi è diretto in Puglia dovrà compilare e inviare online alla Regione il modulo di auto-segnalazione presente sul sito dell’Ente https://www.sanita.puglia.it/autosegnalazione-coronavirus, in cui, oltre alle date di arrivo e di partenza, dovrà indicare i luoghi di provenienza, il Comune in cui alloggerà, gli spostamenti e le notizie in ordine a familiari, il mezzo di trasporto…

Il documento di autocertificazione dovrà essere stampato e portato con sé in formato pdf per tutta la permanenza.

I turisti che sceglieranno la Calabria dovranno pre-registrarsi sul portale www.rcovid19.it, indicando luogo di provenienza, luogo di destinazione principale, periodo di soggiorno. Dovrà anche impegnarsi a comunicare al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale territorialmente competente l’eventuale comparsa di sintomi Covid-19.

Per quanto riguarda la Sicilia, la Regione ha creato il sito  siciliasicura.com  al quale è collegata un’app che sarà disponibile anche sugli store  e che consentirà di registrare il modulo previsto da SiciliaSiCura, indicando anche quando si ritiene di dover raggiungere la Regione. Durante la permanenza l’applicazione invierà un messaggio giornaliero che consentirà di fornire informazioni sul proprio stato di salute o segnalare il proprio stato di malessere.

Chi va in Basilicata dovrà segnalare l’ingresso nel territorio regionale e registrarsi usando il link https://rientricovid19.fascicolo.basilicata.it. Ma non è tutto.

Per contrastare il diffondersi dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 tutte le persone, anche se asintomatiche, che entrano o si trasferiscono anche temporaneamente nel territorio regionale Basilicata, tramite qualsiasi mezzo di trasporto pubblico o privato, sono tenute a comunicarlo al proprio medico curante, al pediatra se minore, o al numero verde 800996688, appositamente istituito dalla Regione, indicando luogo di provenienza, luogo di destinazione principale, periodo di soggiorno e recapiti telefonici. A loro volta, il medico o l’operatore del numero verde contattati sulla base delle comunicazioni ricevute, informano l’autorità sanitaria competente, che proporrà l’esecuzione del tampone rino-faringeo per Sars-Cov-2, seguendo le indicazioni date dalla direzione generale della prevenzione sanitaria e dal Consiglio superiore della sanità del Ministero della salute.

Queste le regole che vigono al momento, ma prima di partire è consigliabile consultare i siti web regionali per gli ultimi aggiornamenti.

Per vacanze ancora più “di vicinato” ci sono i fantastici litorali Campani del Cilento, della Penisola sorrentino-amalfitana, delle Isole del golfo di Napoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui