Peniscopia e vulvoscopia, di che tipo di indagini si tratta? Ne parliamo con il ginecologo Mario Polichetti

0
222

-di Claudia Izzo-

Per andare a fondo ad alcune indagini si parla, nell’uomo e nella donna,  di peniscopia e vulvoscopia. Ne parliamo con il dr Mario Polichetti, ginecologo.

-Cosa si intende per peniscopia e vulvoscopia?

Si tratta di due osservazioni ad alto ingrandimento che riguardano gli organi genitali esterni maschili e femminili. La peniscopia dunque è un esame che permette di evidenziare lesioni del pene, eseguito anch’esso tramite il colposcopio, un ingranditore, un sistema ottico. La vulvoscopia è un esame diagnostico che viene eseguito in ambito ginecologico per valutare lo stato di salute della vulva e dei tessuti circostanti.

-Cosa è possibile vedere con questo strumento?

E’ possibile vedere tumori sia benigni che maligni del pene e della vulva e le lesioni precancerose, quelle che precedono l’insorgenza del cancro, sia del pene che della vulva.

-E’ un esame doloroso?

Trattandosi di un’osservazione esterna si tratta di un esame indolore, osservazionale, veloce.  La tecnica è ambulatoriale, si esegue in pochi minuti anche con l’ausilio di alcuni reagenti come l’acido acetico, la soluzione di Lugol che consente la visualizzazione di lesioni sospette. Può essere associato a prelievi bioptici mirati a livello di lesioni sospette per porre una diagnosi di certezza.Questo tipo di metodica  consente di effettuare una escissione o vaporizzazione di lesioni presenti a livello dei genitali. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui