L’alimentazione e l’estate: la parola alla biologa nutrizionista

Luglio 11, 2019 0 Comments Salute 189 Views
L’alimentazione e l’estate: la parola alla biologa nutrizionista

I consigli di Katya Tarantino, Biologa Nutrizionista-

La temutissima prova costume induce ogni anno migliaia di persone a praticare diete ferree per perdere i chilogrammi di troppo accumulati durante l’inverno. Sempre più spesso si ricorre a diete fai da te, lette su riviste o siti internet, con l’illusione di perdere molto grasso accumulato in pochi giorni. L’unico risultato che si ottiene, però, è quello di esporre il proprio fisico a rischi inutili, in alcuni casi anche gravi.

Come fare allora? La cosa più semplice del mondo! Chi ha davvero bisogno di riacquistare il peso forma deve rivolgersi ad esperti (biologi, medici e dietisti) affinché preparino delle terapie alimentari personalizzate che tengano conto della peculiare situazione dell’individuo. Devono essere prese in considerazione elementi quali le abitudini alimentari e di vita, i fabbisogni nutrizionali, la disponibilità al cambiamento, il rapporto con il cibo.

Nel frattempo ecco a voi alcuni trucchi per non mangiare troppo.

Ci vogliono circa 20 minuti prima che i segnali di sazietà arrivino dalla pancia all’ipotalamo, da cui partono gli ordini che bloccano l’appetito. Ne discernono una serie di accorgimenti per mangiare nelle giuste quantità.

  • Iniziare con un piatto di pasta o pane induce a cercare di placare la fame con i carboidrati. Il trucco: riempire lo stomaco di fibre partire con un antipasto di verdure. Meglio ancora se accompagnate da un filo d’olio extravergine di oliva perché i grassi iniziano il processo di sazietà.
  • È difficile resistere a quello che vediamo! Il trucco: per non cadere in tentazione evitiamo di mettere tutta la dispensa in tavola. Chi cucina ha vita più dura, ma tenere a portata di mano pomodorini, cetrioli, sedano e finocchi può essere di grande aiuto.
  • Bisognerebbe masticare lentamente e quindi a lungo. Il trucco: masticare fino ad una ventina di volte. Il pranzo slow, tra l’altro, è un modo di gustare a fondo una pietanza. Assaporare è un atto d’amore verso il cibo.
  • Attenzione alla dimensione dei piatti. Più sono grandi, più è grande la porzione che ci si serve. Il trucco: utilizzare il piatto da dessert.
  • Spegnere la TV durante pranzo e cena perché altrimenti si mangerebbe ad oltranza senza consapevolezza.
  • Per spezzare la fame usare come spuntini semi e frutta secca ma con moderazione.

About author

Related articles

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply