Al Ruggi attivo il servizio di vaccinazione anti Herpes Zolster

0
5
Cropped shot of an unrecognizable doctor holding a stethoscope

Dal primo dicembre 2022, presso l’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, così come da Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale, è attivo il servizio di vaccinazione anti Herpes Zolster, da somministrare ai pazienti fragili affetti da patologie croniche, o ultrasessantacinquenni, che se contagiati, potrebbero avere gravi conseguenze sulla propria salute.

La scelta di tutelare tali categorie, nasce dalla necessità di conferire un’immunita attiva a coloro che hanno diagnosi accettate di diabete, cardiopatia, pazienti dializzati, trapiantati, o soggetti sottoposti a terapie autosoppressive.

Al Ruggi e nei Presidi dell’Azienda Sanitaria Salernitana, dopo un Protocollo d’Intesa tra quest’ultimo, il Dipartimento di Medicina dell’Università di Salerno e l’ASL Salerno che ha fornito i vaccini, è stato predisposto un percorso di offerta vaccinale, presso le singole Unità Operative, a cominciare dal reparto di Neurologia, dove dall’inizio del mese sono state immunizzate più di cento persone tra trapiantati e dializzati, con vaccino a DNA ricombinato.

Dal primo gennaio inoltre, è iniziata la stessa vaccinazione, per i trapiantati epatici e di midollo, presso l’Ematologia, e successivamente sarà il turno dei pazienti affetti da neoplasie o con HIV.

Nello specifico, durante le periodiche visite di follow-up dei pazienti, un gruppo di specializzandi della Scuola di Igiene e Medicina Preventiva dell’Università di Salerno, propone loro la vaccinazione, che sarà effettuata in ambiente protetto, con affiancamento dei responsabili dei Reparti interessati, e dopo la sottoscrizione di un consenso informato, la compilazione di una scheda anamnestica da inserire nella cartella clinica, e la successiva registrazione sulla piattaforma, dell’avvenuta vaccinazione o l’eventuale rifiuto. ‘Attualmente, più del 70% dei pazienti, accetta di vaccinarsi, dichiara Francesco De Caro, coordinatore del progetto in questione, Referente Aziendale Rischio Clinico dell’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno e Professore di Igiene e Medicina Preventiva dell’Università degli Studi di Salerno, comprendendo così l’opportunità e l’utilità di scongiurare attraverso il vaccino, e senza necessariamente spostarsi al di fuori dell’ospedale, il contagio di una malattia che potrebbe ripercuotersi e impattarsi su patologie pregresse’. A breve, saranno somministrati anche i vaccini antinfluenzali, con le stesse modalità elencate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui