Non è estate senza la “caponata” campana

0
24

Gusto- di Antonietta Doria-

L’estate porta con sè colori , profumi e sapori e sulle tavole estive campane non manca la “caponata” . La ricetta è antica e prevede freselle di grano duro, che un tempo venivano vendute dal “tarallaro” che girava nei paesi con la cesta in testa,  bagnato quanto basta e condito con aglio, pomodorini, origano, basilico, sale e olio, olive, acciughe. Dunque la fresella bagnata si dispone nel piatto come il corpo di una sirena e si condisce, arricchendola.

E’ questa una pietanza fresca che racchiude tutta la magia delle tavolate estive in compagnia di amici e le sue origini sono antiche. Infatti un tempo era alla base dell’alimentazione dei viaggiatori e dei marinai, proprio per la facilità di conservazione delle freselle che venivano bagnate con l’acqua di mare.

Antichi sapori, semplici, da tramandare…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui