IL Caso Atwood: Frank Atwood è stato  giustiziato lo scorso 08 giugno 2022.

1
29

di Michele Bartolo-

La Corte Suprema ha negato l’ultimo tentativo di ritardare la morte. L’uomo, 66 anni, è stato condannato a morte in Arizona per aver ucciso una bambina di otto anni nel 1984. L’esecuzione è avvenuta, come previsto, nella prigione di stato di Florence, Arizona, dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha detto no alla sospensione richiesta dal suo avvocato.

Atwood ha rifiutato l’ultimo pasto continuando nel suo digiuno. Come dicevamo, l’uomo è stato condannato per il rapimento e l’omicidio di Vicki Lynne Hoskinson, una bambina di otto anni. Il corpo della piccola fu trovato mesi dopo del deserto di Tucson, dopo essere scomparsa mentre andava in bicicletta verso una cassetta delle lettere per spedire un biglietto di auguri a sua zia. Secondo le indagini svolte, Atwood ha rapito Vicki, ma gli esperti non sono mai stati in grado di determinare la causa della morte.

Da allora il condannato è rimasto nel braccio della morte per oltre quaranta anni, poiché i suoi avvocati hanno ripetutamente cercato di sospendere la sua esecuzione. I legali hanno sostenuto nei documenti del tribunale che le sue condizioni degenerative della colonna vertebrale gli avrebbero reso terribilmente doloroso essere legato sulla schiena a una barella, dove i condannati giacciono mentre ricevono iniezioni letali.

I pubblici ministeri hanno risposto che Atwood avrebbe potuto alleviare il suo dolore appoggiandosi con un cuscino sulla barella – che ha una funzione di inclinazione – e hanno detto che avrebbe potuto continuare a prendere i suoi antidolorifici. Il pool di legali di Atwood ha cercato di portare il suo caso sia alla Corte Suprema dell’Arizona che alla Corte Suprema degli Stati Uniti in un ultimo disperato tentativo di impedirne la morte. Hanno detto alla Corte Suprema degli Stati Uniti che l’aggravante che ha reso il suo crimine idoneo alla pena di morte è stata applicata non correttamente ma non hanno ottenuto la sospensione  o la conversione della pena.

Secondo la legge dello stato dell’Arizona, i condannati a morte possono scegliere tra una camera a gas e un’iniezione letale. Atwood ha optato per l’iniezione letale, il metodo di esecuzione predefinito dello Stato.

Ma anche se non ha scelto la camera a gas, gli avvocati di Atwood hanno anche contestato le procedure letali del gas dell’Arizona, sostenendo che Atwood ha il diritto di scegliere tra metodi di esecuzione costituzionali. Hanno suggerito che lo Stato cambiasse il suo gas letale da gas di acido cianidrico a gas di azoto perché l’azoto produrrebbe morti indolori. Hanno poi affermato che il protocollo che utilizza gas acido cianidrico – che è stato utilizzato in alcune precedenti esecuzioni statunitensi e dai nazisti per uccidere 865.000 ebrei nel solo campo di concentramento di Auschwitz – è incostituzionale e produrrebbe livelli di dolore agonizzante nelle esecuzioni.

I pubblici ministeri dell’Arizona, tuttavia, hanno risposto che le esecuzioni con azoto sono «non provate e non testate». Arizona, California, Missouri e Wyoming sono gli unici stati con leggi sull’esecuzione di gas letali vecchie di decenni ancora in vigore. E l’Arizona, che ha eseguito l’ultima esecuzione della camera a gas negli Stati Uniti più di due decenni fa, è l’unico Stato con una camera a gas funzionante.

Negli ultimi anni, Oklahoma, Mississippi e Alabama hanno approvato leggi che consentono esecuzioni con azoto, almeno in alcune circostanze. Gli avvocati di Atwood hanno poi ottenuto che un prete ortodosso, don Paisos, potesse accompagnare il loro assistito nella stanza da letto per imporgli le mani, pronunciando una preghiera udibile, pur tacendo durante i “punti critici” del processo di esecuzione.

Paisos ha testimoniato a maggio, davanti al Board of Executive Clemency dell’Arizona, sostenendo di essere certo che Atwood abbia vissuto «una completa trasformazione della vita» quando si è convertito all’ortodossia greca mentre era incarcerato. Ha affermato che l’autenticità della fede di Atwood era a un livello che non aveva visto in centinaia di altri. Dal momento che l’esecuzione di Atwood non è stata interrotta da nessuna azione giudiziaria, egli è stato il secondo prigioniero dell’Arizona ad essere messo a morte in meno di un mese, dopo l’esecuzione di Clarence Dixon.

Gli oppositori della pena di morte temono che l’Arizona ora inizierà a giustiziare un flusso costante dei 112 prigionieri attualmente detenuti nel braccio della morte. E’ sempre vivo il monito di Cesare Beccaria che, nel suo “Dei delitti e delle pene”, testualmente affermava: «Se dimostrerò non essere la morte né utile né necessaria, avrò vinto la causa dell’umanità.».

1 commento

  1. You could certainly see your enthusiasm in the paintings you write. The sector hopes for even more passionate writers like you who are not afraid to mention how they believe. At all times follow your heart.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui