Porto di Marina della Lobra, conclusa la storia infinita?

Aprile 24, 2018 0 Comments Ambiente 499 Views
Porto di Marina della Lobra, conclusa la storia infinita?

Il TAR dichiara inammissibile l’ennesimo ricorso del privato.-di Vincenzo Iommazzo-

Da oltre quindici anni il progetto di riqualificazione dell’area portuale di Marina della Lobra, ha visto schierati davanti al Tar Campania la società concessionaria dei lavori in project financing contro un nucleo di sette dissidenti tra cui Regione Campania, Soprintendenza, Pro Loco, Comitato civico e WWF. Negli anni si sono succeduti al bando pubblico del lontano 2001 atti amministrativi, conferenze di servizi, modifiche, ricorsi al Tar anche di piccole imprese e circoli nautici timorosi di perdere le attuali concessioni con la conseguente sospensione delle loro attività.
Chi ha sostenuto il progetto originario, ritiene trattarsi di un intervento di ampliamento dei posti barca e riqualificazione complessiva dell’area con, a monte, centro polifunzionale, parcheggio multipiano in parte interrato, solarium, piscina di acqua dolce, servizi. Il WWF viceversa è sempre stato convinto che il progetto, di fatto, avrebbe concorso alla cementificazione e allo stravolgimento di uno storico borgo e di un angolo di paesaggio dalle considerevoli peculiarità storiche e ambientali.

Con la recentissima sentenza del TAR che ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato dalla Società Marina Lobra s.r.l. sfuma anche l’ultimo estremo tentativo di trasformazione del borgo.

“Si parlava di ristrutturazione dell’area portuale – racconta Claudio d’Esposito Presidente del WWF Terre del Tirreno – ma concretamente il progetto prevedeva una colata di cemento che non avrebbe risparmiato le spiagge superstiti ed un limoneto di 3000 mq per realizzare l’ennesimo mega parcheggio interrato, il tutto all’interno del Parco Marino di Punta Campanella, in un Sito di Interesse Comunitario e in area sottoposta a vincolo paesaggistico, archeologico ed idrogeologico. Per tali motivazioni la nostra associazione si era fermamente opposta al progetto sin dall’inizio.”

Già nel gennaio 2013 il WWF, assieme ad Italia Nostra ed al Comitato Civico in difesa di Marina Lobra, aveva presentato un dettagliato esposto alla Procura della Repubblica. Successivamente arrivò un’interrogazione parlamentare del Movimento Cinque Stelle a firma di Roberto Fico. Infine il Consiglio di Stato, accogliendo le richieste dell’Autorità di Bacino del Sarno, che aveva espresso parere sfavorevole al progetto ritenuto non compatibile dal punto di vista idrogeologico in un’area definita a rischio dal Piano di Stralcio della medesima Autorità, nella sentenza del 5 marzo 2014 sancì che il Porto di Marina della Lobra, così come progettato, non si poteva fare.

Purtuttavia, nel luglio del 2014 il Comune di Massalubrense approvò un “progetto stralcio” presentato dalla società Marina Lobra srl e, con parere favorevole dell’Autorità di Bacino della Campania limitatamente alle opere ricadenti “nell’area portuale di cui al Primo Stralcio”, emise un nuovo provvedimento conclusivo della Conferenza dei Servizi.

Il 3 dicembre 2015 il WWF, assieme al Comitato Civico in difesa della Marina Lobra, presentò un ulteriore esposto alla Procura della Repubblica, sottolineando come il progetto stralcio approvato dal Comune risultava del tutto privo di Valutazione di Impatto Ambientale, di Valutazione di Incidenza, oltre che di Autorizzazione Paesaggistico-Ambientale. Contro tale determinazione il WWF e gli altri sei soggetti ricorsero quindi al Tribunale Amministrativo Campano per far valere le proprie ragioni.

“Il progetto di Ristrutturazione dell’Area Portuale di Marina Lobra, – aggiunge Claudio d’Esposito – catalogato quale Intervento di Interesse Pubblico ex art. 37bis L. 109/1994 ha trovato proprio nel pubblico i suoi oppositori. Infatti oltre ad enti sovraordinati quali Regione Campania e Soprintendenza, anche gli stessi cittadini rappresentati dalla Pro-Loco, dal Comitato Civico in Difesa della Marina Lobra, da Italianostra e dal WWF hanno dall’inizio ritenuto il progetto incompatibile con le necessità di tutela e di sviluppo e con i vincoli posti sull’area. Il ricorso al TAR, che diede ragione alle tesi del WWF, impedì un aggiramento delle norme con la discutibile modificazione del progetto a stralcio, e stabilì che tutti gli enti preposti si sarebbero dovuti pronunciare nella sede naturale (Conferenza dei Servizi) ove si autorizzano opere pubbliche di tale incidenza ambientale, giacché essendo un progetto a stralcio si trattava chiaramente di un’opera modificata e dunque sostanzialmente diversa, ma non meno invasiva e deleteria, rispetto al progetto originario.”

Fece discutere la “prova di forza” del privato promotore dell’opera portuale che, all’approssimarsi della stagione estiva, nel tentativo di accelerare l’inizio dei lavori di trasformazione del borgo, senza attendere la sentenza dei vari ricorsi pendenti, mise in atto tutta una serie di azioni che scaldarono gli animi di cittadini ed imprenditori e crearono una situazione di delicato conflitto tra gli storici concessionari del borgo marinaro.

Infine la Conferenza dei Servizi finale, indetta il 23 dicembre 2016 dalla nuova amministrazione capeggiata da Lorenzo Balducelli, si chiuse con l’archiviazione del progetto. Non rassegnati i rappresentanti della società Marina Lobra s.r.l. ricorsero nuovamente al TAR ma, prima però, avevano optato per la rinuncia alla realizzazione delle opere chiedendo un risarcimento danni all’amministrazione in sede civile. Il Comune aveva rilanciato richiedendo, a sua volta, un risarcimento danni di 14 milioni di euro alla società per un progetto non fattibile in quanto “non autorizzabile”.

Ora il TAR sembrerebbe aver messo la parola “fine” all’assurdo progetto, ma la società privata ha già dichiarato di voler impugnare la sentenza e, quindi, la querelle tra il Comune e la Marina Lobra s.r.l. potrebbe non essere ancora conclusa.

About author

Related articles

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply