Home Rubriche Ambiente Monitoraggio Goletta Verde: coste campane, su 33 punti campionti, 13 fuori legge

Monitoraggio Goletta Verde: coste campane, su 33 punti campionti, 13 fuori legge

0

Ultimo giorno di tappa per Goletta verde in Campania, che presenta i dati finali del monitoraggio effettuato lungo le coste campane. Quest’anno i volontari e le volontarie della campagna di Legambiente hanno realizzato 33 campionamenti lungo la costa campana, svolti tra il 27 giugno e il 5 luglio. 5 i punti monitorati nella provincia di Caserta, 14 nella provincia di Napoli e 14 in quella di Salerno.  

 Su 33 punti di monitoraggio 20 sono stati campionati a mare di cui 3 sono risultati inquinati; e 13 campioni sono stati prelevati nelle foci di fiumi, canali, rii e scarichi artificiali, di questi 10 sono risultati inquinati.  

 In sintesi, guardano al monitoraggio nella sua interezzasu 33 punti campionati 13 sono oltre i limiti di legge: 10 punti sono risultati fortemente inquinati ai controlli di Goletta verde, 3 inquinati ed il resto dei 20 punti è entro i limiti di legge. Tra le buone notizie, l’isola di Ischia fa l’en plein, 4 punti su 4 monitorati entro i limiti. 

 I 10 punti che sono risultati fortemente inquinati: in provincia di Caserta la Foce del Regi Lagni; 3 punti nella provincia di Napoli, la foce del canale di Licola, il mare a 50 metri a sinistra della foce dell’alveo Volla, la foce del Sarno; nella provincia di Salerno 6 punti fortemente inquinati alla foce del Reggina Minor a Minori, la foce del fiume Irno a Salerno, la foce del torrente Asa a Pontecagnano Faiano, la foce del canale di scarico a Marina di Eboli, la foce Capo di Fiume a Capaccio e la foce del fiume Testene ad Agropoli. 

Sono punti che hanno dato risultato di inquinati nella provincia di Salernouno a Capaccio/Laura, la foce del rio presso via Poseidonia 441 e la foce del fiume Solofrone al confine tra Agropoli e Capaccio; un solo punto risulta inquinato in provincia di Napoli ed è il mare di fronte alla foce del Lagno Vesuviano ad Ercolano. 

 I dati sono stati presentati oggi in conferenza stampa a Salerno, che ha visto la partecipazione di Mariateresa ImparatoPresidente Legambiente Campania; Francesco Esposito, Ufficio scientifico Legambiente CampaniaMarco Crestani, portavoce di Goletta Verde, Dottoressa Caterina Scarpa referente Arpa CampaniaAttilio Maria DacontoComandante della Guardia Costiera di Salerno; Massimiliano NatellaAssessore Politiche Ambientali del Comune di Salerno. 

 “Le foci dei fiumi e altri luoghi simbolici per l’inaccessibilità al mare, come San Giovanni a Teduccio, sono diventati ormai malati cronici – dichiara Mariateresa Imparato, presidente Legambiente Campania. Questo è dovuto sicuramente ad una cattiva gestione del sistema depurativo e anche a un incremento della pressione antropica sulle località di mare, ma anche da criticità che vengono dall’entroterra della regione che si amplificano lungo i corsi d’acqua che sfociano in mare. Dobbiamo investire sul sistema di depurazione, cercare i problemi a monte delle foci dei fiumi, risolvere le criticità ben note ai monitoraggi di Goletta VerdeVero è che le foci dei fiumi non sono balneabili per definizione, ma troppo spesso le aree a ridosso di queste vengono adibite a spiagge libere, non gestite, dove più di una volta abbiamo visto persone, anche bambini, fare il bagnoInoltre, i cartelli di divieto di balneazione, che dovrebbero dare la corretta informazione ai cittadini, sono presenti solo in 3 località risultate fuori dai limiti di legge: in 27 punti su 33 non sono presenti i cartelli che informano i cittadini sulla qualità delle acque di balneazione. 

 Sono 142 milioni di euro le sanzioni che stiamo pagando alla Comunità Europea per il mancato recepimento delle direttive Ue sul trattamento delle acque reflue, soldi che aumentano le bollette dei cittadini e delle cittadine – dichiara Marco Crestani, portavoce di Goletta Verde. L’Italia continua a sottovalutare il problema della mala depurazione e degli scarichi abusivi. La qualità dei nostri fiumi e dei nostri mari dipende dall’efficienza dei depuratori e i problemi vanno risolti a monte. Per assicurare la salute dei cittadini, tutelare l’ambiente e proteggere le attività economiche che ne dipendono dobbiamo monitorare e migliorare i punti critici del nostro sistema di depurazione”.  

 Il Portale Acque, il sito del Ministero della Salute di riferimento per cittadini sulla qualità delle acque di balneazione e dove poter fare il bagno, informa che il mare in Campania è balneabile in 20 su 33 punti monitorati, con una qualità dell’acqua eccellente, anche nei punti dove i tecnici di Goletta Verde hanno determinato delle criticità. Questo ci porta ad essere delle sentinelle attente del territorio e ci mettiamo a disposizione delle autorità competenti per supportarle con il nostro lavoro e trovare proposte, soluzioni alle criticità ancora emergenti.  

Secondo gli ultimi aggiornamenti presenti sul sito del Commissario Unico Depurazione in Campania sono 65 gli agglomerati su cui insistono quasi 2milioni e mezzo di abitanti equivalenti, in cui si stanno svolgendo lavori (72 interventi) per uscire dall’infrazione sulla depurazione, per un importo complessivo di circa 460 milioni di euro.   

 Il Piano di Gestione delle Acque dell’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale (III ciclo di pianificazione, 2021-2027) informa che gli scarichi urbani rappresentano una pressione puntuale significativa per il 79% dei corpi idrici superficiali (fluviali, lacustri, di transizione e delle acque marino-costiere), mentre tra le pressioni diffuse gli “scarichi non allacciati alla fognatura” incidono sulla qualità dell’11% dei corpi idrici superficiali campani. Queste due tipologie di pressione, da sole o congiuntamente ad altre più o meno impattanti, impedisce a questi corpi idrici di raggiungere un buono stato, come richiesto dalla Direttiva Quadro Acque (2000/60). 

FOCUS MONITORAGGIO GOLETTA VERDE SULLE COSTE DELLA CAMPANIA 

 

Comune 

PV 

Località 

Punto 

Giudizio GV 2023 

Sessa Aurunca 

CE 

 

Mare fronte Foce canale 

Entro i Limiti 

Mondragone 

CE 

Fiumarella 

mare presso la foce della Fiumarella 

Entro i Limiti 

Mondragone 

CE 

 

mare presso la Foce fiume Savone 

Entro i Limiti 

Castelvolturno 

CE 

 

mare alla Foce Regi Lagni 

Fortemente Inquinato 

Castelvolturno 

CE 

Lago Patria 

mare presso la Foce Lago Patria 

Entro i Limiti 

Pozzuoli 

NA 

Lido di Licola 

Foce del canale Licola 

Fortemente Inquinato 

Napoli 

NA 

Lungomare Caracciolo 

Spiaggia Mappatella beach 

Entro i Limiti 

Napoli 

NA 

S. Giovanni a Teduccio 

Spiaggia a 50m a sx della foce dell’Alveo Volla 

Fortemente Inquinato 

Ercolano 

NA 

 

Mare fronte foce del Lagno Vesuviano 

Inquinato 

Torre del Greco 

NA 

Via Litoranea 

Via ponte della Gatta 

Entro i Limiti 

Sorrento 

NA 

Marina Grande 

Mare fronte Foce rivolo Neffola 

Entro i Limiti 

Torre Annunziata 

NA 

Lungomare Marconi 

Spiaggia fronte scarico 

Entro i Limiti 

Torre Annunziata/Castellammare di Stabia 

NA 

Foce del fiume Sarno 

Foce del fiume Sarno 

Fortemente Inquinato 

Castellammare di Stabia 

NA 

Fosso Garibaldi 

Spiaggia fronte rivo San Marco 

Entro i Limiti 

Minori 

SA 

Lungomare 

Foce Regina Minor 

Fortemente Inquinato 

Salerno 

SA 

Lungomare Clemente Tafuri 

Foce fiume Irno 

Fortemente Inquinato 

Salerno 

SA 

 

Spiaggia presso via Mantegna 

Entro i Limiti 

Salerno/Pontecagnano Faiano 

SA 

Torre Picentina 

Foce fiume Picentino 

Entro i Limiti 

Pontecagnano Faiano 

SA 

Via mare Jonio/lungomare Magazzeno 

Foce Torrente Asa 

Fortemente Inquinato 

Pontecagnano/Battipaglia 

SA 

 

Foce del Tusciano 

Entro i Limiti 

Eboli 

SA 

Marina di Eboli 

Foce canale di scarico 

Fortemente Inquinato 

Capaccio 

SA 

Laura 

Foce rio presso via Poseidonia 441 

Inquinato 

Capaccio 

SA 

Torre di Paestum Licinella 

Foce Capo di Fiume 

Fortemente Inquinato 

Capaccio/Agropoli 

SA 

 

Foce del fiume Solofrone 

Inquinato 

Agropoli 

SA 

 

Foce fiume Testene 

Fortemente Inquinato 

Castellabate/Montecorice 

SA 

Ogliastro/Baia Arena 

spiaggia fronte Foce del rio Arena 

Entro i Limiti 

Centola 

SA 

Caprioli 

Mare fronte Foce rio presso spiaggia 

Entro i Limiti 

Vibonati 

SA 

Villammare 

Spiaggia fronte Rio Caca Fave 

Entro i Limiti 

Ischia 

NA 

Ischia Ponte 

Spiaggia del muro rotto 

Entro i Limiti 

Casamicciola Terme 

NA 

Perrone 

Spiaggia Perrone 

Entro i Limiti 

Forio 

NA 

Chiaia Spinesante 

Spiaggia di Chiaia davanti canale 

Entro i Limiti 

Ischia 

NA 

Lungomare Cristoforo Colombo 

Rio Corbore 

Entro i Limiti 

Vico Equense 

NA 

Seiano 

mare presso la Foce Rivo d’Arco 

Entro i Limiti 

 

Giunta alla 37esima edizione, Goletta Verde di Legambiente è realizzata con le partnership principali di ANEV, CONOU, Novamont e Renexia e la media partnership de La Nuova Ecologia. 

Il CONOU, Consorzio Nazionale Oli Usati, sostiene da anni la campagna estiva di Legambiente, nella convinzione che sia assolutamente necessario agire collettivamente per la tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. Il Consorzio è parte attiva in questo scenario: con la sua attività di raccolta e rigenerazione degli oli minerali usati è un esempio di eccellenza di economia circolare, non solo in Italia, ma addirittura in Europa. Raccogliendo l’olio lubrificante usato alla fine del suo ciclo di vita nei macchinari industriali, ma anche nelle automobili, nelle barche e nei mezzi agricoli, il CONOU fa in modo che questo rifiuto – altamente pericoloso se non gestito correttamente – si trasformi in una preziosa risorsa. Oltre il 98% dell’olio raccolto dal Consorzio viene infatti rigenerato e trasformato in nuova materia prima riutilizzabile, con benefici per l’ambiente e la salute grazie alla riduzione dell’utilizzo di risorse naturali e delle emissioni di gas serra e di altri inquinanti.   

Lo scorso anno in Campania il CONOU ha recuperato 10.501 tonnellate di olio usato. 

Il monitoraggio scientifico   

I prelievi di Goletta Verde vengono eseguiti da tecnici, volontari e volontarie di Legambiente. L’ufficio scientifico dell’associazione si è occupato della loro formazione e del loro coordinamento, individuando i laboratori sul territorio. I campioni per le analisi microbiologiche sono prelevati in barattoli sterili e conservati in frigorifero, fino al momento dell’analisi, che avviene lo stesso giorno di campionamento o comunque entro le 24 ore dal prelievo. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali, Escherichia coli). Il numero dei campionamenti effettuati viene definito in proporzione ai Km di costa di ogni regione.    

 

LEGENDA     
Facendo riferimento ai valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia (Dlgs 116/2008 e decreto attuativo del 30 marzo 2010) i giudizi si esprimono sulla base dello schema seguente:      

INQUINATO = Enterococchi intestinali > 200 UFC/100 ml e/o Escherichia coli > 500 UFC/100ml.     

FORTEMENTE INQUINATO = Enterococchi intestinali > 400 UFC/100 ml e/o Escherichia coli > 1000 UFC/100ml.    

 

 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version