Pontecagnano: in scena “Parenti serpenti” con la regia di Angelo Di Vece

0
84

Intreccio di famiglie –

Presso il Teatro San Paolo di Pontecagnano oggi, 22 Aprile alle ore 21,00, si da il via alla commedia brillante Parenti serpenti ,  con la compagnia  I percaso; un racconto dei vizi e difetti dei protagonisti che sfocia in un noir ironico e imprevedibile, organizzata da Alessandro De Nigris, con la regia di Angelo Di Vece.

Si narra di un nonno, nonno Saverio, (Oreste Fortunato) un ex-carabiniere ,  di nonna Trieste (Sonia Di Donato), donna in gamba che prepara il pranzo di Natale e ospita le famiglie dei figli. Sono quattro i gruppi familiari che si riuniscono, ciascuno con i propri problemi. Abbiamo Lina (Antonella Di Salvatore) con il marito Michele (Andrea Campione), geometra a Teramo, e il figlio Mauro (Emmanuel Massa, voce narrante); Milena (Marzia Della Corte) e Filippo (Francesco Mondelli), una coppia stressata che non può avere figli; Gina (Francesca Sproviero), moglie un po’ libertina dell’impiegato Alessandro (Rocco Giannattasio), che hanno come figlia Monica (Aurora Vivone), aspirante ballerina. A complicare le cose si scoprirà che Gina – donna dal passato molto chiacchierato – ha una relazione segreta con Michelemarito di LinaAlfredo (Gaetano Farro) completa il quadro, come single omosessuale, professore di italiano in un istituto femminile che convive con un vigilantes

Nonna Trieste chiede ai figli di prendersi cura di loro in cambio della casa, scatenando una guerra tra parenti durante la quale nessuno è disposto ad accogliere in casa i genitori.  La commedia porta sulla scena problemi di vita quotidiana, sottolineando il momento in cui  i genitori diventano anziani ed i figli non sono disponibili, chiusi in vite frenetiche, a prendersi cura di loro. Quale la risoluzione della triste vicenda?  Non resta che sbarazzarsi degli anziani genitori.. Alla fine, infatti,  i figli in questa commedia, si troveranno uniti nel proposito di sbarazzarsi dei loro vecchi con una stufa a gas manomessa.  Il finale però sarà una amara sorpresa per tutti !…

“Tratta da un film di Mario Monicelli del ’92” ha commentato De Nigris, ” la rivisitazione  è ricca di soluzioni messe in atto dal regista Angelo Di Vece che coinvolgeranno sicuramente il pubblico, tra sorrisi e commozione. E’ una commedia amara e divertente al tempo stesso. Per avvicinare poi i bambini al teatro, abbiamo deciso, nell’ambito dell’organizzazione, di non far  pagare il biglietto d’ingresso ai bambini sotto i 12 anni”.

Antonietta Doria

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui