Studenti del Tasso e del Severi per i “Tre Compari Musicanti“ di Paolo Apolito.

0
7

 Viaggio nel Patrimonio Culturale Immateriale

Incontro culturale di fine anno in Soprintendenza a Salerno, nella Sala “Mario A. De Cunzo” in scena lo spettacolo dei “Tre Compari Musicanti“ di Paolo Apolito. L’iniziativa, a cura della Soprintendenza ABAP per le province di Salerno e Avellino, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Politici e Sociali/UNISA e l’Associazione UNI in STRADA, ha visto la partecipazione dei giovani studenti dei Licei “Tasso” e “Severi”.

Lo spettacolo, tratto dal romanzo scritto e interpretato dallo stesso prof. Apolito, insieme a Floriana Attanasio, voce e tamburo, e Antonio Giordano, voce, zampogna e chitarra battente, parla dei contadini della Lucania, in un momento di profonde trasformazioni a cavallo tra XVIII e XIX secolo. Le loro storie, interpretate in un’alternanza di voci, musiche e canti, rivivono attraverso la storia di Teresa, di suo padre Nunzio, suonatore di zampogna, e delle tante famiglie contadine i cui destini si incrociano formando la trama di una storia che è la storia di tutti i Sud dell’Italia caratterizzata dall’esclusione sociale, dalla miseria economica e sociale e dalla subalternità culturale negli anni della costituzione dello Stato italiano che non cesseranno se non dopo la seconda guerra mondiale.

Paolo Apolito ha insegnato Antropologia culturale all’Università di Roma Tre e all’ Università di Salerno, dedicando particolare attenzione ai fenomeni religiosi e rituali, alle feste ed ai ritmi musicali della civiltà contadina.

All’incontro hanno pertecipato: Raffaella Bonaudo, Soprintendente ABAP di SA e AV, Rosa Maria Vitola, funzionario responsabile settore demoetnoantropologico e beni immateriali della SABAP di SA e AV, Katia Ballacchino, Professore Associato di discipline demoetnoantropologiche (DiSPS) presso l’Università degli Studi di Salerno, Carla Maurano, membro del Comitato Internazionale sul Patrimonio Immateriale ICH e dell’Associazione UNI in STRADA di Salerno e Michele Faiella, funzionario per la Promozione e Comunicazione della SABAP di SA e AV.

L’evento è servito per promuovere, valorizzare e trasmettere, soprattutto alle giovani generazioni, il valore di un patrimonio culturale, quale appunto quello dei beni immateriali, fondamentale per il recupero della nostra identità culturale e delle nostre tradizioni oltre che della nostra storia sociale e politica. Preziosa, quindi, è stata la partecipazione dei giovani studenti salernitani del Liceo Classico “T. Tasso” e il Liceo Scientifico “F. Severi”, con i quali spesso la Soprintendenza di Salerno e Avellino ha condiviso incontri ed eventi culturali.

Loading

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!