L’Irpinia e l’amore libero di Marcello Colasurdo

0
89

Ci lascia Marcello Colasurdo, l’espressione della fusione di vocalità e tradizione.  Sessantotto anni, nato a Campobasso, ma da sempre vissuto a Pomigliano d’ Arco, è stato l’emblema della cantata popolare.

Meglio ‘na tammurriata che ‘na guerra” c’è scritto sul suo profilo personale, sintesi della sua vision.

Voce de i “Zezi”, successivamente fondatore della “Paranza”, si era distinto anche come attore per Mario Martone e Federico Fellini.

Maestro di tammorra, è stato insignito nel 2020 del titolo di cittadino onorario di Ospedaletto d’Alpinolo.

Da anni è stato protagonista indiscusso della Juta a Montevergine e della Candelora, due eventidi grande rilievo per la popolazione e la comunità religiosa locale e non.

La Juta, tradizione campana che si tiene ogni anno nei giorni del 10,11, 12 settembre e che consiste nella scalata di una ripida montagna per raggiungere il santuario di Montevergine dove è custodita l’icona della Madonna Nera di Montevergine detta anche Mamma Schiavona.

La Candelora è una tradizione di origini probabilmente pagane in cui la scalata della montagna questa volta è un segno di devozione in un momento di passaggio tra la fine dell’ inverno e l’ inizio della primavera.

Il 2 febbraio è il giorno non soltanto la festa della luce, ma anche il momento in cui il dissipare delle tenebre porta in sé un significato metaforico.

La protezione, secondo la leggenda, di mamma Schiavona, nei confronti di un amore libero e privo di ogni pregiudizio.

 Oggi sul suo profilo si legge:

 “ADESSO ALZATE LE VOSTRE TAMMORRE NELL’ALTO DEI CIELI E SUONATE PER ME! IO DA LI’ CONTINUERO’ A SUONARE PER VOI NEI CERCHI DELLA TERRA  E DEI CAMPI ELISI. GRAZIE A TUTTI PER L’AMORE CHE MI AVETE DATO! (scritto da altra persona rispecchiando il suo pensiero)”.

Chi lo ha conosciuto e chi, come me, ha assistito negli anni, agli eventi in sua presenza, non può che ricordare la grande carica umana ed emotiva che lo pervadeva e che era in grado di trasmettere, lasciando in eredità un grande messaggio di amore libero e di pace, che in questo momento storico rappresenta un testimone di grande valore.

 

Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0

Loading

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!