All’intrasatto

0
38

-di Giuseppe Esposito

Quando l’amore arriva improvviso e ti salva da la vita ti induce a sperare di nuovo, proprio quando pensavi che fosse finita e non speravi più di poterti rialzare. L’amore che giunge tardi nella tua vita è come un miracolo, una resurrezione. Ed allora ti ci abbandoni, senza opporre resistenza. Ti assumi tutti i rischi e ti senti di nuovo come quando ai tuoi vent’anni, lo attendevi e palpitavi per un qualcosa che ancora non era comparso nella tua ancor breve vita.

 

All’intrasatto

 

Proprio quanno ‘a notte

Me pareva cchiù nera,

si accunparuta tu,

all’intrasatto,

comme a nu sole

mmiezo a na tempesta.

Me so’ susuto

E aggiu guardato annanze

Comme pensavo

‘e nun puté fa cchiù.

E ‘na speranza

Dinto a chistu core

Ll’ha fatte credere

D’essere ancora guaglione.

È ‘mpazzuto

E sbatte forte ‘mpietto.

Tutte li llacreme chianto

S’ha scurdato

E se mise a zumpà

Comme ‘e criature.

Si accumparuta

E m’he fatto sperà,

ch’a chistu munno

ancora nce steve

poste, pure pe’ mme.

Ca putevo n’ata vota campà.

Ma po’ te guardo

E me dico:

“È nu suonno!”

O forse è overo,

comme diceva

nu poeta antico ca

‘a vita è nu suonno

E’ suonno è suonno

E nient’ato.

E allora, io cu te, dico:

“Voglio turnà a sunnà!”

Come non desiderare di sognare ancora quel sogno così allettante? Viviamolo quell’amore inatteso. Senza remore ma lasciandoci trascinare. Sebbene nella vita abbiamo già amato, non possiamo rifiutarci di amare ancora. E se la vita è sogno che importa!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui