SalerNoir Festival le notti di Barliario, il programma completo del 13 luglio con Livia Sambrotta

0
3

Sarà “Il noir e il cinema”, abbinato al Premio Barliario Scuole, il tema della seconda giornata di Salernoir Festival le notti di Barliario VII edizione. L’appuntamento è per domani, martedì 13 luglio, dalle 18.30 nella piazzetta antistante il Tempio di Pomona, accanto al Duomo di Salerno. Per affrontarlo, l’Associazione Porto delle Nebbie che organizza la rassegna ha invitato Livia Sambrotta.

La scrittrice milanese impostasi all’attenzione generale con il libro “Non salvarmi”, Premio Selezione Bancarella, sarà protagonista della serata insieme agli studenti dei Licei cittadini che hanno preso parte al Premio Barliario Scuole 2020, che è stato assegnato durante il lockdown solo virtualmente, con un’iniziativa tenutasi in streaming.

Ora c’è la possibilità di premiare in presenza le vincitrici: Caterina De Nicolellis Maria Rosaria Naddeo del Liceo Classico Tasso di Salerno, che si sono imposte con il racconto “Legame di sangue”. Alle due studentesse sarà consegnato un buono-libri di 150 euro, da spendere presso la libreria Feltrinelli di Salerno.

Seconda classificata è risultata Chiara Di Mauro, del Liceo Classico Tasso di Salerno, con il racconto “Grigio”. A lei andrà un buono-libri di 100 euro.

Terza classificata è Beatrice Rago, del Liceo Classico De Sanctis di Salerno, con il racconto intitolato: “Una Ford Pinto di colore scuro”. A lei andrà un buono-libri del valore di 50 euro.

Una menzione speciale è stata riservata dalla giuria ad Andrea Luciano Sara Moroni del Liceo Scientifico Da Vinci, per il racconto “Lo Malocchio decapitato”. Agli studenti era stato chiesto di scrivere un racconto “nero” ambientato nel Complesso di San Michele, nel Centro storico di Salerno.

Il Premio “Barliario Scuole” è organizzato con il contributo decisivo della Fondazione Carisal, principale sponsor del Salernoir Festival le notti di Barliario: responsabile del progetto per conto della Fondazione è la dottoressa Gabriella Monetta. A premiare i ragazzi vincitori del concorso sarà il presidente della Fondazione, Domenico Credendino.

La serata, coordinata da Pina Masturzo, responsabile del settore scuole di Porto delle Nebbie, prevede un confronto tra Livia Sambrotta e gli studenti. Del volume, invece, la scrittrice parlerà con l’avvocato Stefania De Martino.

“Non salvarmi”, edito da Sem, è un thriller mozzafiato. Deva Wood, una ragazza italoamericana di ventitré anni, scompare misteriosamente nell’aeroporto di Phoenix, negli Stati Uniti, subito dopo aver effettuato il checkin per un volo diretto in Italia. Dipendente dagli psicofarmaci sin dall’adolescenza, Deva è in fuga da un centro di riabilitazione che si occupa dei giovani figli di star del cinema. I ragazzi vivono in un ranch dell’Arizona dove per disintossicarsi seguono una terapia basata sulla cura dei cavalli. “Cresciuti all’ombra della fama dei loro genitori miliardari, questi ragazzi a diciotto anni hanno già sperimentato qualsiasi tipo di dipendenza: alcol, cocaina, anfetamine, psicofarmaci, interventi estetici e sesso compulsivo.” Ad aspettarla a Milano c’è David, figlio del fondatore del centro, con cui ha organizzato la fuga. I due ragazzi sono follemente innamorati e pronti a vivere insieme, ma Deva non arriverà mai all’appuntamento. Le ultime immagini di lei sono quelle delle telecamere di sorveglianza dell’aeroporto che la riprendono mentre si dirige in bagno con tracce di sangue sulle gambe. Il giorno dopo in un fiume vicino al ranch viene ritrovato il corpo di una giovane con il viso bruciato dall’acido… Alternando il racconto di carriere patinate a devastanti vicende personali, l’autrice apre uno squarcio sui risvolti segreti del mondo del cinema.

In Tribuna Stampa, pronti a interrogare la Sambrotta, come sempre tre giornalisti: Paolo RomanoErminia Pellecchia e Stefano Pignataro.

Salernoir Festival le notti di Barliario è organizzato dall’Associazione Porto delle Nebbie di Salerno con la collaborazione il contributo della Fondazione Carisal, il patrocinio e la collaborazione del Comune di Salerno. Direttrice artistica del festival è la scrittrice Piera Carlomagno, che è coadiuvata da Rosanna Belladonna, direttrice organizzativa, Pina Masturzo, responsabile scuole, Massimiliano Amato, ideatore e direttore del Premio Attilio Veraldi, Gabriella Monetta, responsabile del progetto per la Fondazione Carisal.

La novità di quest’anno è la collaborazione con la Luiss Summer School, che mette in palio una Borsa di Studio tra tutti gli studenti che avranno partecipato ad almeno una serata del Festival e che sono già stati selezionati, attraverso una comunicazione ufficiale alle scuole, dalla Fondazione Carisal.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui