Oggi a Salerno i romanzi di Adriano Argenio e Jan-Lilyth Albani

0
53

Secondo appuntamento della quarta settimana della sedicesima edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo con i “salotti” delle novità letterarie in concorso per il Premio costadamalfilibri, opera del maestro ceramista vietrese Nicola Campanile, nelle sezioni Narrativa/Saggistica, Giallo/Noir, Antologia.

Giovedì 16 giugno, infatti, presso la Chiesa di Santa Maria de’ Lama, nel centro storico di Salerno, ore 18.45, in concorso Adriano Argenio con “In balìa del grano e del vento” (Orme), Jan-Lilyth Albani con “Un tango per me” (Giovanna Scuderi), e “Voci dal mare – Quaderni mediterranei” a cura di Silvestro Neri, Lorenzo Cittadini, Pedro J. Plaza Gonzalez (La Piave). Con la collaborazione del Club di Territorio di Salerno del Touring Club Italiano.

Un taccuino ha raccolto emozioni, riflessioni, immagini. Vent’anni di vita in balìa del grano e del vento. La terra natale devastata non è solo paesaggio, ma condiziona vicende personali e professionali. Quanti “no” ci sono concessi? Qual è il nostro margine di manovra? Quanto spazio la società è disposta a concederci? Domande come bottiglie nel mare in tempesta nel libro di Adriano Argenio “In balìa del grano e del vento”. La laurea e la fuga. Il ritorno. Il bosco e il circo. La disillusione. La savana e la montagna. Il mare. L’arte di saper fiutare il vento salva la vita.

Pur narrando la storia di Pietropaolo Rosacroce, un medico che riprende in mano la sua vita grazie al ballo, “Un tango per me” di Jan-Lilyth Albani, chiaramente uno pseudonimo per l’autore, si spinge oltre le vicende umane del protagonista con interessanti flash sulla civiltà occidentale che per interessi materialistici trascura non solo l’Umanità, ma anche la Bellezza dell’Arte. Un romanzo in cui un giovane medico nella Napoli anni ‘60 muove i primi passi, una città bellissima che tuttavia rinuncia ai suoi giovani migliori, quelli più preparati ma privi di supporto familiare o politico, quelli che dopo la laurea sono costretti a emigrare all’estero. E così Pierpaolo, per inseguire il sogno della ricerca scientifica, va in Usa dove purtroppo il mondo americano, pur se gratificante per eccellenza ed efficienza tecnologia, gli appare crudele e spietato verso i più deboli. E al suo ritorno in patria, non meno deludente gli sembra la disumanità di una sanità troppo burocratica e distaccata dalla sofferenze dei malati. A Siena, tuttavia, la sua doppia anima di “scienziato- sognatore” emerge pienamente attraverso il tango, segnando l’inizio di una nuova vita e il ritorno alle terre del sud.

I curatori di “Voci dal mare – Quaderni mediterranei” in questo terzo volume sono scesi negli abissi del Mediterraneo, nel blu che confonde e ammalia, tirando su le reti come abili pescatori, raccogliendo e selezionando le voci che dal mare salgono su. Dai deliri più vivi e sofferti di chi non ha trovato pace in altro luogo e si è dato all’incertezza di una traversata di questo mare fino ai racconti di viaggio tra le sponde di uno spazio comune, su navi e barche, porti e luoghi di confine. Dal mare dei cantautori ai progetti di rinnovamento delle città sul Mediterraneo, passando per gli avvertimenti sull’inquinamento delle acque, dagli itinerari balcanici fino al sabir, la lingua franca mediterranea; le voci intime dei poeti, ora appuntite, ora più dolci, che si sono fatte coralli, onde e pesci per raccontare l’anima del Mare Mediterraneo. Il volume raccoglie contributi di cantautori com Eugenio Bennato, architetti come Massimiliano Fuksas, saggisti come Giovanni Caprara, sociologi come Carlo Bordoni, e grandi poeti “mediterranei”.

Con gli autori si intratterrà il direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it Alfonso Bottone che, a seguire, condurrà la cerimonia di consegna del Premio Dolce e caffè, prestigiosa azienda pasticciera di Salerno, alle prime tre “DonneinCultura” salernitane: l’attrice Cinzia Ugatti, la pittrice Loredana Spirineo, l’organista Anna Bardaro. Gli altri riconoscimenti il 28 giugno allo Yachting Club di Salerno.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui