“Finchè il caffè è caldo”, il caso editoriale di Kawaguchi, perchè la vita va gustata sorso dopo sorso

0
35

Un tavolino, un caffè, una scelta.- di Marianna Giugliano

Il libro che ho deciso di leggere ultimamente è Finchè il caffè è caldo di Toshikazu Kawaguchi, un vero caso editoriale in Giappone dove ha venduto oltre un milione di copie, per conquistare tutto i mondo e le classifiche europee a dopo qualche giorno dalla sua uscita in libreria.

Toshikazu è uno scrittore, sceneggiatore e regista giapponese che grazie a questo romanzo (il primo della sua carriera), ha vinto il Suginami Drama Festival.

Soltanto una volta iniziata la lettura si può capire a pieno di cosa parla: in Giappone c’è una caffetteria molto particolare, aperta da moltissimo tempo, che a primo impatto sembra essere un semplice bar dove trascorrere del tempo. In realtà, ciò che avviene al suo interno è qualcosa di magico, che da l’opportunità ai più coraggiosi di fare i conti con il passato e riviere un momento in cui ci si sarebbe voluti comportare in maniera del tutto diversa.

Una volta entrati nel bar, infatti, si può subito notare una signora intenta a leggere: il segreto è aspettare che vada via per poter prendere il suo posto, bere un caffè è così tornare indietro nel tempo ad un momento ben preciso. Ovviamente ci sono delle regole, ma la più importante è che il caffè deve essere bevuto prima che si raffreddi, altrimenti vi è il rischio di rimanere incastrati in quel loop temporale.

Il libro narra di tre storie: quella di Fumiko, una giovane donna che rimpiange il suo grande amore, Hirai che ha dei conti in sospeso con sua sorella e infine Kei, una madre che cerca di riallacciare i rapporti con sua figlia. Questi tre personaggi hanno un elemento in comune, il rimpianto per qualcosa avvenuta nel loro passato, e proprio questo rimpianto li porterà nella caffetteria e li convincerà a bere quel caffè.

Questo libro offre l’occasione di riflettere sulla propria vita, e ripensare a momenti che sarebbero potuti andare diversamente, dandoci l’opportunità di capire che c’è sempre tempo e modo di cambiare le cose ed evitare così di sprecare occasioni importanti.

Noi, a differenza del libro, purtroppo non abbiamo la possibilità di tornare indietro nel tempo; quindi, l’invito (forse implicito) è quello di affrontare la vita e tutto ciò che ci accade, senza avere mai nessun rimpianto e non pensare “e se avessi agito diversamente ora forse sarei altrove? Cosa sarebbe potuto accadere?”

Un libro sicuramente emozionante che invita i lettori a non pensare che ci sia sempre un secondo momento per poter risolvere le cose, ma riuscire a capire che “il momento” è ora e c’è sempre la possibilità di aggiustare le cose prima che sia troppo tardi, se solo lo si vuole davvero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui