Se po’ murì a Natale?

0
44

 

Se po’ murì a Natale?

No! Nun è giusto!

Mmiezo ‘e luce, ‘e rummure

‘o suono d’’e zampogne;

nnanza ‘a tavola appriparata,

vongole e capitune,

struffole e panettone,

noce, nucelle

e ‘o vino buono!

E mentre tuttequante

se scagnano

‘o Buon Natale.

Signò,

mentre ognuno aspetta

ca adda nascere ‘o Ninno,

tu che fai?

Lasse ca chella brutta

nase ‘e cane

gira ancora p’’o munno?

Trase dinto ‘e case

E taglia ‘o filo d’’a vita

a quacche poveru cristo?

A nu brav’ommo ca

doppo na juranta ‘e fatica,

torna a casa,

s’assetta e all’intrasatta,

chiude ll’uocchie e

nun se sceta cchiù?

E chisto sarrìa pe Te

nu Buon Natale?

‘A chiesia dice ca

“I fini del Signore

sono imperscrutabili.”

Sarrà, ma a me

sta cosa

nun me pare justa.

Over’ è ca ‘a morta

nun se po’ scampà,

ma nce sta modo e modo

‘e nc’’a mannà!

Primma ancora ca Cristo

nascesse ‘nterra a Betlemme,

quaccheduno diceva ca:

“Est modus in rebus”

E a Te, Signò, te pare

Ca è chisto o’ modo?

A me me pare, invece,

n’ingiustizia, o,

addirittura

‘na supirchiaria.

Perdoname Signò,

faccio peccato, ma

mponta a legnua,

sulamente

me vene ‘na jastemma.

Mo’ votto ‘nterra

l’albero e ‘o presepio

e ‘o primmo ca ancora

mme dice Buon Natale

‘o mannarraggio, certo

‘e Pellerine.

 

 

Giuseppe Esposito

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui