San Gennaro fa il suo miracolo: “Gioia per la città di Napoli e per la Campania”

0
59

Il fazzoletto bianco sventola da parte delle deputazione e anche oggi, 19 settembre 2019, alle ore ore 10,04, San Gennaro fa il suo Miracolo ed il suo sangue continua a sciogliersi anche quest’anno.

Tanti i fedeli accorsi al Duomo di Napoli nel giorno dedicato al Santo Patrono della città di Napoli e della Campania. Il Cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli ha dato vita ad una omelia profonda sulla situazione di Napoli annunciando la liquefazione del sangue del Santo dicendo “Gioia per la città di napoli e per la Campania” con benedizione finale per tutti i fedeli accorsi.

Gennaro, vescovo e martire cristiano nasce a Benevento o napoli nel 272 e muore a Pozzuoli nel 3015 ed è venerato dalla chiesa cattolica ed ortodossa.

Patrono di Napoli, è il santo con cui la città ha uno strettissimo legame. Nel Duomo della città  custodite le sue ossa e due antichissime ampolle contenenti il presunto sangue del santo raccolto da una donna pia di nome Eusebia subito dopo il martirio. Queste ampolle vengono esposte alla venerazione dei fedeli tre volte l’anno: il sabato precedente la prima domenica di maggio, il 19 settembre, appunto ed il 16 dicembre; giorni cari alla pietà partenopea in quanto in essi si può assistere al fenomeno della liquefazione, attestata per la prima volta nel 1389 come fatto già noto e considerato dalla pietà popolare un miracolo.

“È stato detto che San Gennaro è l’anima di Napoli. Si potrebbe dire qualcosa di più. San Gennaro è il sentimento di un popolo che, nonostante le sconfitte, le delusioni, le amarezze patite nella sua lunga e dolorosa storia, trova ancora la forza di sperare, di lottare, di vivere.»come ha affermato lo storico e giornalista Vittorio Gleijeses.

Redazione SalernoNews24.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui