Home Editoriale L’ora più buia

L’ora più buia

0

di Giuseppe Cacciatore *

Leggo gli articoli di oggi della stampa quotidiana e con poche variazioni i titoli delle prime pagine esprimono una forte preoccupazione sugli ultimi eventi: “La guerra di Putin”, “Il Virus della guerra”, “Kiev non è sola”, “Putin scatena la guerra”. Le cronache poi sono a dir poco agghiaccianti. Lo zar Putin ha ordinato alle sue truppe di oltrepassare il confine e ha disposto il lancio contro l’Ucraina di oltre 300 missili che hanno provocato centinaia di vittime. Qualche giornale ha titolato uno degli articoli con la frase: “Il terrore e il fuoco arrivano dal cielo”. C’è tuttavia in questa espressione un eccesso – come ha opportunamente osservato il giornalista Massimiliano Amato – che “alterna banali contraffazioni della storia a vere e proprie mistificazioni” che diventano ancora più inverosimili quando si paragona Putin e la sua decisione di oltrepassare il confine con l’Ucraina, con l’invasione della Polonia proditoriamente invasa e occupata dalle truppe di Hitler nel settembre del 1939.

Il disegno di Putin è stato richiamato con esemplare chiarezza da Maurizio Molinari, direttore de “La Repubblica”: allontanare la Nato dai propri confini, aggregare le minoranze russofone che vivono nei territori delle ex Repubbliche sovietiche; cancellare l’indipendenza ucraina, consentire alla Russia di riscattarsi dalle aggressioni bolsceviche (sic!), comuniste, naziste, nazionaliste e occidentali subite.

Certo è che non si tratta di una guerra che sta coinvolgendo soltanto l’Ucraina – che lo zar Putin vuole punire per aver scelto nel 1991 con una stragrande maggioranza l’indipendenza dalla Russia – ma tutte le nazioni più o meno confinanti con la Russia. Per ora è toccato all’Ucraina, distruggendo in una sola giornata il suo potenziale difensivo a partire dagli aeroporti per finire con gli arsenali e i centri di comando.

C’è una profonda e vera considerazione di Norma Rangeri direttrice responsabile de “Il manifesto” e con essa chiudiamo: “Non c’è salvezza da questa guerra se non nella pace. Che non è una paradisiaca condizione originaria, ma qualcosa che cerchiamo di immaginare, un ideale. L’unico ideale per cui vale la pena di spendersi, di lottare, di credere. E  quella forza che l’Europa non ha, né militarmente né politicamente perché divisa tra cinismo e impotenza, può trovarla solo nelle sue opinioni pubbliche se saranno in grado di suscitare un’onda pacifista contro una guerra capace solo di nutrire se stessa”.

*Professore Emerito dell’Università Federico II di Napoli
Accademico dei Lincei

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version