L’Italia vira a destra: Giorgia Meloni a Palazzo Chigi

0
37

di Pierre De Filippo-

È andata come tutti s’aspettavano da un po’ e come i sondaggi prevedevano ormai da tempo: Giorgia Meloni sarà la prossima inquilina di Palazzo Chigi, la prima donna alla quale toccherà simil sorte. È una rivoluzione per l’immobile Italia, una rivoluzione che, però, porta con sé tutte le ambiguità di cui siamo capaci.

Una rivoluzione conservatrice, quasi restauratrice, come nella nostra tradizione.

Fratelli d’Italia è primo partito, con oltre il 26% dei consensi, staccando il Partito democratico che non arriva neanche al 20%; poi il Movimento 5 Stelle che, grazie soprattutto alla gratitudine meridionale per il Reddito di Cittadinanza, gli concede una bella rimonta.

Stenta la Lega, sotto quota 9%, appaiandosi a Forza Italia che, invece, tiene dal crollo.

Il Terzo Polo di Calenda e Renzi non sfonda e rimane sotto quota 8%: l’obiettivo di mantenere Mario Draghi a Palazzo Chigi quindi sfuma.

In coalizione col Pd, Verdi e Sinistra italiana riescono a superare la soglia di sbarramento e ad accedere in Parlamento mentre Più Europa, seppur per pochi decimali, rimane fuori: Emma Bonino lascia Palazzo Madama.

Paragone e De Magistris rimangono ampiamente sotto quota 3%. Per loro le porte del Parlamento restano sbarrate.

Questo, in sintesi, il quadro della situazione.

Ora, però, non c’è tempo da perdere: entro metà ottobre le Camere si saranno insediate e il governo dovrà essere nato. Nel frattempo c’è da varare la Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanze che, probabilmente, verrà scritta a quattro mani tra il governo in carica ed il prossimo, in vista della legge di bilancio.

Consigli europei discuteranno di guerra, price cap, legge sugli extraprofitti e invio di armi. Il caro bollette va tenuto sotto controllo, l’inflazione mitigata per quanto possibile e la Meloni – che si porta dietro, giustamente direi, tutto lo scetticismo e l’ostilità delle altre cancellerie europee – dovrà iniziare a discutere con la Commissione e con Ursula Von der Leyen.

Due i temi di principale interesse: le scadenze del Pnrr – rispetto al quale speriamo a nessuno venga in mente di proporre qualche astrusa rinegoziazione – e l’azione, sempre più incisiva, della Bce sui tassi di interesse.

La Meloni dovrà essere brava, prudente e anche il più silenziosa possibile: per intenderci, dire che “la pacchia è finita” rischia di essere una triste verità. Per noi, però. Quindi lasci i mercati tranquilli e cerchi di smussare le spigolosità che l’hanno accompagnata.

Il voto al Parlamento europeo a favore degli Orbàn e dei Kaczynski farà discutere e parlare ancora e sarà sempre lei a dover dimostrare di mantenere la barra dritta. Dovrà semplicemente fare, ora che ha l’onore e l’onore di farlo davvero, l’interesse degli italiani.

Si apre una partita di grande interesse e curiosità, quella dei ministri.

Il tracollo della Lega impedisce a Salvini di chiedere il Viminale e non è detto che Giorgia non ci mandi il suo fidato Crosetto.

Per gli Esteri segnatevi Giulio Terzi di Sant’Agata; per la Giustizia Carlo Nordio.

L’Economia è ancora un rebus: Tremonti o un tecnico?

E La Russa? Alla Difesa?

E Lollobrigida andrà davvero alle Infrastrutture?

Previsioni, divertissement, giochini innocenti.

Ma c’è una domanda che irrompe negli interrogativi più intimi di tutti noi: dove si piazzerà Silvio Berlusconi? Davvero sullo scranno più alto di Palazzo Madama. Lui lo chiederà, non c’è dubbio. E ce ne sono pochi sul fatto che non verrà accontentato, specie se i suoi senatori risulteranno determinanti. La politica rimane comunque un do ut des.

 

Vox España, CC0, via Wikimedia Commons

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui