I tanti capitoli del Romazo Quirinale

0
53

di Pierre De Filippo-

Il Quirinale ha un nuovo, vecchio inquilino. Dopo Papi, Re e Presidenti, si insedia oggi l’Imperatore Sergio, chiamato a furor di popolo (e anche a furor di caos politico) a rimanere saldo in sella, a guardarci dall’alto e a scrutarci con l’occhio un po’ cadente e con il nodo della cravatta storto.

Non serve in questo caso la biografia del nuovo Capo dello Stato: la conosciamo tutti perché l’abbiamo vissuta con lui, con la storia mentre questa si sviluppava.

Il Romanzo Quirinale giunge a conclusione, la meno attesa – sotto certi punti di vista – ma pur sempre una conclusione. Adesso molto di noi che l’hanno seguita ricominceranno a vedere la luce del sole, il vento in faccia, a parlare coi parenti, a lavarsi.

Ma quali sono stati i capitoli di questo romanzo?

Il primo è sicuramente quello de Il Grande inciampo, che era il frutto del giorno 1. Discutere di Draghi, usurare Draghi, strattonare Draghi poteva comportare due conseguenze: portarlo al Quirinale, dove aveva espresso volontà di andare, o lasciarlo a Palazzo Chigi. Il grande inciampo quale sarebbe stato? Perderlo da una parte e dall’altra, ipotesi non remota.

Ma, alla fine del primo giorno, questa eventualità scema.

Il secondo capitolo è quello de I nomi della rosa: Salvini, Meloni e Tajani si presentano in conferenza stampa, nell’auletta dei gruppi, con aria tronfia. Spiegano che il centrodestra ha il diritto-dovere di fare il nome e che loro hanno una terna: Marcello Pera, Letizia Moratti, Carlo Nordio. Tre nomi che non vedranno mai la luce, che non verranno mai sottoposti all’aula. Tre nomi bruciati prima ancora di incominciare.

Poi è il turno del Neocentrismo: Draghi ritorna in auge ma si parla insistentemente anche di Pierferdinando Casini. Profilo apprezzatissimo dalle Camere quello del bolognese – di cui si dice che ciascun parlamentare abbia il numero di cellulare – e anch’esso proveniente da quella Dc, come Mattarella, di cui sentiamo tanto la mancanza.

Le proposte radicali si marginalizzano ed emerge il centro, quella pancia del Parlamento – i peones, come vengono chiamati in maniera un po’ sprezzante – che vuole salvare la legislatura e, soprattutto, il vitalizio.

Altro giro, altra rosa: è il turno dei Tecnocrati. Sono Sabino Cassese ed Elisabetta Belloni. I nomi sono fatti da Fratelli d’Italia e paiono apprezzati da entrambi gli schieramenti.

Sabino Cassese ha, però, due nemici: uno è l’età, 87 primavere, il secondo è Giuseppe Conto, che il giurista avellinese ha criticato aspramente durante la pandemia.

La Belloni, invece, profilo autorevolissimo, paga l’essere il Capo dei Servizi segreti. Renzi lo dice subito: “sarebbe una sgrammaticatura”. E i nomi si eclissano.

Lo scrutinio successivo è quello delle Coalizioni spaccate: Salvini si fa convincere dalla Casellati – testarda nel voler sfidare la sorte e l’aula – dal fare il suo nome. Finisce, come era prevedibile, in un bagno di sangue: vota solo il centrodestra e alla seconda carica dello Stato mancano settanta voti. A sinistra non va meglio: s’era vociferato di Franco Frattini, neo Presidente del Consiglio di Stato. Renzi e Letta all’unisono: “no. Ha posizioni troppo filorusse”.

Conte, invece, ne aveva discusso con Salvini, ricordando il governo gialloverde.

Il penultimo capitolo è Uomini e donne: Salvini, Letta e Conte si parlano, per la prima volta tutti insieme. Esce Letta che molto prudentemente (da ex democristiano) parla di “una Presidente o un Presidente”, facendo intuire un po’ l’aria.

A togliere dubbi Salvini e Conte – quelli con la cultura istituzionale di un Gormito, per citare Renzi – che escono in piazza e parlano di presidente donna. Chiaramente la Belloni. E il fuoco di fila riprende, affossandola.

Si arriva così a La Resa: Sergio Mattarella viene rieletto, con soddisfazione o meno sarà da capire, per quanto tempo anche, con che modalità pure. Ma tant’è.

E anche questa è fatta, verrebbe da dire. Torniamo in trincea che c’è ancora tanto da fare.

 

Quirinale.it, Attribution, via Wikimedia Commons

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui