Crollo Ponte Morandi: Cordoglio per il collega Giovanni Battiloro, giornalista-videomaker

0
7

Morire giù da un ponte-  di Claudia  Izzo-
„”L’Ordine dei Giornalisti della Campania esprime cordoglio e si stringe ai familiari dei quattro ragazzi di Torre del Greco morti nella tragedia di Genova. Tra loro Giovanni Battiloro, giornalista-videomaker, collega esperto e stimato da tutti, una tragedia che scuote e addolora l’intera comunità dell’informazione della Campania”.Così scrive il Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, addolorato come tutti per la tragedia che ha colpito Genova e l’Italia tutta.

Muore così come tanti altri,  per il crollo del Ponte Morandi, a Genova, Giovanni Battiloro, giornalista-videomaker, 29enne di Torre del Greco, che, con altri amici, stava raggiungendo Barcellona per le vacanze estive.

“Si sopravvive a tutto” scriveva in un link sulla sua pagina di Facebook, quasi un anno fa, mentre si susseguono le foto delle sue battaglie a  difesa della natura, del Vesuvio.

“Interpretare il presente, raccontando”, questo il motto che compare sul social, per quell’amore verso il giornalismo che lo spingeva ad affermare, dopo un incontro con il compianto Luigi Necco, che la loro era “la professione più bella del mondo” . La grande bravura nel  raccontare attraverso filmati ed immagini, Giovanni l’aveva dimostrato lavorando con importanti emittenti e per il TGLa7 da Napoli.

Non ci sono parole per una morte, la sua e quella di tutte le vittime della tragedia di Genova, probabilmente evitabile.

“Non veniamo al mondo per lavorare o per accumulare ricchezza, ma per vivere”, scrive Giovanni Battiloro in un link su Facebook,  citando Josè Mujica, ” Abbiamo a disposizione l’eternità per non essere e solo un minuto per essere. per questo ciò che più mi offende oggi è la poca importanza che diamo al fatto di essere vivi”…

Una ragazza che afferma di non conoscere  Giovanni Battiloro, commenta su Facebook …”che fine hanno fatto i vostri sogni, i vostri desideri, le vostre speranze?…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui