Anche la Gran Loggia d’Italia scende in campo contro il Covid-19

0
211

La Gran Loggia d’Italia  degli A.L.A.M. contribuisce alla lotta al Coronavirus e lo fa donando 100mila euro alla Croce Rossa. Quest’ultima è infatti in prima linea sull’intero territorio nazionale dall’inizio dell’emergenza sanitaria grazie a migliaia di operatori e volontari che sostengono la popolazione garantendo supporto sanitario e logistico, soccorso, gestendo in sicurezza i trasporti sanitari dei casi potenzialmente sospetti con mezzi ad alto biocontenimento e fornendo controlli della temperatura ai viaggiatori in ingresso in Italia, nei porti, e negli aeroporti.

“Come cittadini e come massoni, seguendo il solco solidaristico che è ben tracciato nell’animo di ogni libero muratore abbiamo sollecitato una raccolta fondi tra le Sorelle ed i Fratelli della nostra Comunione che in pochissimi giorni ha permesso questa donazione”, dichiara Luciano Romoli, Sovrano Gran Commendatore Gran Maestro.
“Come molti anche noi abbiamo subito dei lutti importanti. A loro e a tutti gli uomini e le donne che abbiamo perso, ai loro familiari, a tutti coloro che stanno soffrendo e che subiranno in futuro gli effetti di quanto sta oggi avvenendo va il nostro commosso pensiero, e assieme al pensiero anche la nostra azione. La Gran Loggia d’Italia continuerà a lavorare al fianco delle Istituzioni, delle associazioni e della società civile per superare questi giorni bui e dolorosi; forti di quei valori etici e morali di cui è portatrice, e dei quali aveva subito l’influenza anche Henry Dunant, il fondatore della Croce Rossa e primo premio Nobel per la Pace” .

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui