11 settembre 2001: il terrore invadeva il mondo

0
17

Per non dimenticare – di Claudia Izzo-

Tante le sensazioni in questo giorno della Memoria. L’ 11 settembre di 18 anni anni fa  l’America ed il mondo intero furono messi in ginocchio dagli attentati  suicidi da parte di un gruppo di terroristi aderenti ad al-Qaida. Da allora il mondo non è stato più lo stesso. L’età contemporanea ha conosciuto una nuova forma di terrore che ha continuato a mietere vittime in ogni Paese.

10 secondi. Impiegarono appena 10 secondi a raggiungere i suolo tutti quei corpi  che si lanciarono dalle Torri Gemelle, Torri Nord e Sud del World Trade Center di New York,  per non morire carbonizzati tra temperature alle stelle,  detriti e cadaveri dopo l’attacco suicida. Nessuno può sapere cosa si prova nel lanciarsi a 150 Km all’ora sapendo di stare per cadere nelle braccia della Morte mentre i grattacieli collassavano, quasi fossero di carta. Chi potrà mai dimenticare quelle immagini di polvere e di sangue, di fogli che volando raccontavano la storia di uffici, di appuntamenti di lavoro, di un pezzo di economia colpita al cuore? E’ la vita stessa  ad essere stata colpita al cuore.

Chi può immaginare cosa si prava a trovarsi sopra un aereo dirottato per l’occasione sopra il Pentagono? Chi può capire davvero cosa si può provare ad essere passeggeri ostaggi dei dirottatori e trovare la forza di schiantarsi altrove per non colpire il Campidoglio o la Casa Bianca, bersagli previsti? Pochi istanti solo per mandare l’ultimo messaggio sul cellulare di qualche familiare e la vita è finita per tutti.

2995 persone furono le vittime di questa strage, tra cui 343 vigili del fuoco e 60 poliziotti, le vittime erano in maggioranza civili, tra cui si contano 70 di diverse nazionalità. Tante le malattie debilitanti che si diffusero tra coloro che si occuparono dei soccorsi:malattie respiratorie, disturbi mentali, depressioni, cancro.

L’America mostrava al mondo la sua fragilità,  il mondo ha mostrato  di essere corroso da un cancro chiamato terrorismo e nulla  è più stato come prima.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui