La Bcc di Aquara apre ad Agropoli, acquistati i locali della nuova sede

0
1
La professionalità e lungimiranza del Direttore Marino-di Sergio Del Vecchio-
Ancora importanti obiettivi raggiunti dalla Bcc di Aquara che aprirà una nuova filiale nel prossimo mese di luglio, anche ad Agropoli, in via Salvo D’Acquisto, con una superficie di 220 metri quadrati. Un meraviglioso esempio, quello della Bcc di Aquara, di virtuosa banca vicina da sempre al territorio ed ai suoi clienti, che continua ad investire  proprio per lo sviluppo economico del territorio, in evidente controtendenza con le grandi banche che chiudono sportelli.

Tutto procede: acquistati dunque  i nuovi locali che saranno sottoposti a lavori di ristrutturazione e di adeguamento per ospitare la nuova filiale e sottoscritto l’atto di acquisto.

Lo sportello nella città di Agropoli si aggiungerà alle filiali già esistenti (Salerno, Pontecagnano, Campagna, Battipaglia, Eboli, Capaccio, Aquara, Roccadaspide, Castel San Lorenzo, San Gregorio Magno e Oliveto Citra), nonché alla filiale che aprirà nel prossimo mese di maggio a Pellezzano, dove gli stessi cittadini, con un’istanza sottoscritta da oltre 300 residenti ed avallata dall’amministrazione comunale retta dal sindaco Francesco Morra, hanno chiesto alla Bcc di Aquara la presenza di uno sportello bancario sul territorio comunale.

“Siamo davvero soddisfatti del nuovo risultato della nostra banca, ancora una volta vicina alle realtà locali e attenta allo sviluppo del territorio e dell’imprenditoria – dichiara il direttore generale, Antonio Marino – la Bcc di Aquara è una banca solida ed affidabile che offre risposte convenienti in tempi brevi, sia alle famiglie che alle imprese che, anche in questo caso, ci hanno più volte chiesto l’attivazione di uno sportello ad Agropoli, dove sono già numerosi i clienti che oggi però devono rivolgersi alla nostra filiale di Capaccio, ovvero quella più vicina al territorio agropolese”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui