La Russia avanza mentre i curdi retrocedono

0
14

Cambiamenti in atto per un nuovo profilo geopolitico- di Claudia Izzo-

E’ stato completato il ritiro curdo dalla zona cuscinetto, dalla “safe zone”. Dopo il loro ruolo fondamentale nella lotta all’Isis, i curdi, abbandonati dagli USA, vedono svanire il sogno della realizzazione di uno Stato Autonomo nel nord del Paese. Il Progetto Rojana sfuma.

Avanza intanto  la Russia nello scacchiere geopolitico: è Vladimir Putin  che ha consentito al siriano Bashan – al Assad la riconquista del Nord della Siria; è  la Russia che tratta con Recep Erdogan e non va tenuto in poco conto il fatto che Mosca sia il  fornitore militare della Turchia. Putin ha saputo assecondare Erdogan e d’ora in poi  ci saranno pattugliamenti congiunti, turco- russi, in un ‘area fino a dieci chilometri all’interno del territorio siriano. Al posto delle bandiere delle Fds e Ypg curde, sul confine,per capirci,  sventolerà la bandiera della Siria.

Facciamo un passo indietro:  era il 2011 quando la Turchia è intervenuta contro la Siria dando supporto ai militanti islamici sunniti, compresi i gruppi di Al Qaeda. Di cosa ci meravigliamo oggi ? Ma, intanto, Trump cosa fa? Con la scusa di evitare che i pozzi petroliferi tornino ad essere sotto il controllo dei miliziani ISIS, se ne fa custode.

Certo, in attesa di azione, meglio cautelare ciò che si vuole.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui