Default d’Occidente: Ucraina, guerra imminente e popolazione in fuga

0
139

-di Antonino Papa-

La NATO firmi un documento con cui rinuncia all’Ucraina”, con queste parole Vladimir Putin pone le basi per un ultimo ormai remoto tentativo diplomatico, richiesto da Alleanza Atlantica ed UE, al fine scongiurare la guerra ufficiale all’interno di una Ucraina dilaniata da decenni di contrasti interni e pressioni esterne che non le danno scampo.

Una Nazione il cui destino già scritto da tempo nei files secretati dell’FSB (ex KGB) ed in quelli della CIA è stato colpevolmente ignorato dai paladini della democrazia e dei diritti umani meglio identificati come Blocco Occidentale; un Popolo lasciato in balia delle onde dei grafici del prezzo del gas, manipolati da chi ha le chiavi per aprire o chiudere le forniture a milioni di europei; una Terra in una posizione sfortunata al centro di un crocevia tra oriente, occidente e Medioriente settentrionale, piena di risorse e preda ambita da tutti i contendenti; un teatro di scontro tra nostalgici della Madre Russia e gli Ucraini Veri che sognano libertà ed indipendenza … benvenuti nella terra dannata d’Ucraina.

A Sud la strada per la libertà, a nord i carri armati ed a negoziare le sorti degli Ucraini, tutti eccetto che Ucraini! Chi deve garantire la libertà minaccia chi usurpa ma non troppo perché i cattivi sono gli stessi che devono tenere buona la Cina, non chiudere i rubinetti del gas, tenere buono Erdogan, dialogare con gli Islamici e non scatenare una tempesta finanziaria e demografica; un negoziato sbilanciato a favore dei cattivi ai quali le sanzioni ventilate fanno meno che il solletico. Se questo non è un default della democrazia e del garantismo dei diritti umani cos’è ?

Il cosiddetto Occidente garantista è stato troppo impegnato per decenni a pensare alla finanza globalizzata, al consumismo esasperato, al profitto ad ogni costo, stipulando accordi anche col diavolo senza minimamente pensare a quali conseguenze ciò avrebbe condotto ed ora che il diavolo ha preso il potere, gli angeli della libertà non sono in grado di difendere gli oppressi. Così accade in Ucraina, così accade in Africa, così accade a Taiwan e gli unici interventi armati sono stato decisi, non per difendere i popoli, ma il petrolio ed altre risorse.

Ci chiediamo a questo punto: esiste l’etica e la giustizia in questo mondo, o chi doveva garantire i diritti fondamentali, prima si è venduto ed ora non è nella posizione di fiatare?

Purtroppo è così ed ora a farne le spese è l’Ucraina, tra poco meno di qualche anno sarà Taiwan, qualche anno fa è stata la Grecia, di fatto colonizzata economicamente dalla Germania, e così è accaduto alla Crimea, annessa in un lampo.

E così accadrà finché dei popoli coraggiosi non decideranno di mobilitarsi e ribellarsi pagando a caro prezzo una utopistica democrazia che per gli antichi greci era irrealizzabile, e non credo che Socrate, Platone o Aristotele fossero dei ciarlatani improvvisati se ancora oggi, dopo migliaia di anni, ci avvaliamo dei loro studi e delle loro teorie.

Ora assisteremo ad un ultimo tentativo voluto da Macron per far sedere Putin ed il laconico Biden allo stesso tavolo, un copione già scritto: o l’Occidente accetterà le condizioni imposte dalla Russia o l’Ucraina è spacciata. Veramente lo è in ogni caso, ma una cosa è un’invasione ingiusta e pacifica ed un’altra cosa è  una conquista che rade al suolo chi si oppone.

La NATO rinuncerà all’Ucraina ? (Visto che l’Ucraina non è nella posizione di poter decidere …)Probabilmente sì, ma non rinuncerà al gas ed a mantenere rapporti cordiali con Putin perché finché sarà in vita, non esiste diplomatico o capo di stato che possa tenergli testa ad eccezione di Trump che, nonostante tutto, era l’unico matto in grado di dialogare con i più efferati dittatori e costringerli a miti consigli.

Per salvare l’Ucraina è necessario parlare la stessa lingua degli aggressori, in occidente nessuno la parla, o fanno finta di non conoscerla.

Se esiste un Dio giusto protegga l’Ucraina.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui