Natale con Salvatore Di Giacomo

0
35

di Giuseppe Esposito

 Per un Natale diverso, un Natale in cui si mescolano, con lieve ironia, il sacro ed il profano, con il garbo che sempre contraddistingue i versi di Salvatore Di Giacomo, vi ripropongo questa sua poesia:

 

Buon Natale!

Teresì, buonu Natale!

Penza oì né ca ‘o Bammeniello

Fattese ommo è tale e quale

Comme all’ate, grussiciello,

 

‘ncoppo ‘o munno scellerato,

senza fa male a nisciuno,

secutato e maltrattato,

‘ncroce oì né jette a fernì!

 

E st’esempio ca te porto,

Teresì, tienelo a mente,

ca pur’io nnucentemente

chi sa comme aggia murì!

 

Nun vuò sentere sta voce

Ca piatà, piatà te cerca

E me staie mettenno ‘ncroce

Comm’’o poveru Gesù …

 

Ma io nun so’ fatto e ‘mpastato

Cu stà pasta, mo’ ‘nce vò:

Isso – sempe sia lodato –

Isso nasce ogni anno, io no!

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui