Al via il Campus Musicale Internazionale di Salerno

0
4

Previsti circa 500 tra ragazzi e musicisti internazionali-

Taglio del nastro oggi della rassegna dedicata alla musica, Falaut Campus, Campus Musicale Internazionale di Salerno, sotto la guida del M° Salvatore Lombardi, direttore generale e responsabile artistico dipartimento fiati, coadiuvato dal M° Giulio Tampalini, responsabile artistico dipartimento chitarra), dal M° Davide Alogna, responsabile artistico dipartimento archi, dal M° Lucia Rizzello, responsabile artistico musica antica.

La rassegna prevede lezioni giornaliere per i giovani, dalle ore 9 alle ore 18.30, seminari, workshop, masterclass, concerti ed alla  fine serata si tiene il concerto con i big dei vari settori.  Corsi d’interpretazione, dunque,  conferenze e dibattiti, aggiornamenti, approfondimenti e tavole rotonde tenute dai maggiori studiosi del settore di tutto il mondo sui grandi temi dell’attualità e su tematiche e personaggi della storia della musica. Ed ancora showcase,  spazi di evidenza per i costruttori e i maggiori brand internazionali, presentazione dei nuovi traguardi sulle concezioni acustiche, sull’evoluzione dello strumento e sulle nuove ricerche, vetrina di presentazione di nuove opere ed autori, o di lavori discografici da promozionare;  Spazi e stand a disposizione dei distributori italiani, maggiori costruttori internazionali, dei riparatori, gli editori, i discografici e al merchandising

Da oggi al 4 agosto e dal 7 all’11, vi è dunque Falaut Campus, “Campus Estivo”, nato con l’obiettivo di creare momenti di aggregazione tra docenti, studenti, esperti del settore e semplici appassionati” spiega il M° Salvatore Lombardi, direttore del Campus. “Si inserisce in un progetto più ampio dell’Associazione Flautisti Italiani che prevede altre iniziative come i Falaut Day, Flutemania, il Concorso Flautistico Internazionale Severino Gazzelloni, Cremonafiere woodwinds e il Falaut Festival. L’elemento innovativo di questa edizione riguarda l’introduzione dei corsi di “Pianoforte” e della sezione “Archi” insieme alla consolidata “Chitarra”. Missione del Campus è quella di lavorare per i giovani, fornendo a chi ha del talento occasioni uniche per potersi confrontare e migliorare le proprie competenze. Intrecciare cultura e turismo, fare musica in siti di pregio storico e architettonico fa parte del  modo in cui il Falaut Campus si impegna a promuovere l’arte attraverso una sinergia, sempre più forte e consolidata, con le istituzioni. L’Università degli Studi di Salerno si riconferma luogo ideale per poter organizzare il Campus. La vicinanza con il territorio, la presenza di migliaia di studenti, la possibilità di ospitare un folto pubblico di curiosi e amanti della musica, rappresentano le motivazioni principali di questa collaborazione”.

A confermare, il Rettore dell’Università degli Studi di Salerno, Aurelio Tommasetti. “È il quarto anno consecutivo che il nostro Ateneo ospita il Falaut Campus, una manifestazione importante che raccoglie ogni estate prestigiosi musicisti da tutto il mondo – dichiara il rettore –  350 sono state le presenze alla scorsa edizione, tra docenti e studenti. 480 sono i numeri previsti quest’anno. Siamo contenti di accogliere nuovamente questo evento che bene si sposa con la nostra “Vita da Campus”, ovvero la possibilità di far vivere gli spazi universitari agli studenti lungo tutto l’anno e anche d’estate. Anche in questa settima edizione i musicisti partecipanti all’evento provengono da tutto il mondo – Europa, Cina, Giappone, Corea, Brasile – sposando la nostra visione dell’arte e della cultura, spazio di ricerca e sperimentazione. Per l’Università di Salerno, già attivamente impegnata nella promozione della cultura in tutte le sue forme, è utile ospitare attività di formazione anche non puramente accademiche, ma di forte aggregazione come questa. Ancora una volta volgiamo lo sguardo a politiche di qualità, innovazione e attenzione al patrimonio umano”.

Molti i nomi di Maestri di fama internazionale, tra cui: Jean-Claude Gérard, Davide Formisano, Anne Catherine Heinzmann, Matteo Evangelisti, Francesco Loi, Philippe Jundt, Andrea Oliva, Hyunim Yoon, Kazutaka Shimizu, Naoko Tanda, Barthold Kuijken, Marcin Dylla, Giulio Tampalini, Davide Alogna; quattro dipartimenti e oltre cento musicisti.

L’evento trova il patrocinio dell’Università degli Studi di Salerno, dell’Adisu di Salerno (residenze universitarie) e della BCC Monte Pruno nella persona del direttore generale Michele Albanese che fornisce 5 borse di studio ai giovani partecipanti.

Antonietta Doria

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui