Al Museo Archeologico “Ritratti Ambientali 24Fps” con il Tijuca Quartet

0
3

Dal 17 maggio al 23 Giugno – di Claudia Izzo-

Continua stasera con l’evento musicale con il  Tijuca Quartet, a cura del maestro Stefano Giuliano, la rassegna culturale salernitana e la mostra fotografica “Ritratti Ambientali 24 Fps”, presso il Museo Archeologico Provinciale di Salerno.

“Ritratti Ambientali 24 Fps” è un vero racconto della città di Salerno e della storia cinematografica mondiale,attraverso il punto di vista di nove autori e tre scatti per ognuno di loro. Mercoledì 22 maggio è stata la volta dell’incontro con Gino Frezza (Università degli Studi di Salerno), “Un dialogo tra Cinema e Fotografia”; Mercoledì 5 giugno alle ore 18,00 è previsto l’incontro con Massimo Bignardi (Università degli Studi di Siena), “Un Dialogo tra Fotografia e Arti Visive”; mentre sabato 22 giugno alle ore 18,00 l’incontro sarà con Antonio Lucci (Università di Berlino), Un Dialogo tra Cinema, Serialità e Filosofia. Raccontare True detective”.

Quest’anno, il nome della rassegna, con il riferimento ai 24 fotogrammi per secondo, richiama il mondo del cinema. Il tema è proprio questo: la reinterpretazione dei grandi film del passato e del presente attraverso tre scatti per autore e una serie di eventi che gravitano attorno al vernissage.
La mostra fotografica, curata da Nicola Guarini, docente di fotografia, e nove giovani autori, (Amelia Stanzione
Andrea Storzillo, Anastasia Gallo, Cinzia Pizzo, Fabio Ianora, Francesca Senatore,Luca Mantellino, Mauro Reielli, Michela Plaitano), tutti studenti del Liceo Artistico Sabatini-Menna di Salerno, che dovranno dimostrare di saper unire al meglio cultura cinematografica e capacità tecniche fotografiche.

Tre talk, a cura del professore Alfonso Amendola (Dipartimento di Studi Politici e Sociali, Università degli Studi di Salerno), direttore scientifico dell’evento.”E’ -dialogo- la parola centrale di questi nostri talk, ” afferma il professore Amendola. ” Un dialogo tra pratiche e saperi, tra espressioni e processi creativi. Ma anche un dialogo tra generazioni differenti . Con questi nostri talk vogliamo intercettare le dinamiche di convergenze stilistiche, culturali e sociali interne alle procedure artistiche. Sottolineando, ancora una volta, quella straordinaria vulcanicità dei media creativi di essere sintesi di esperienza, sperimentazione, innovazione e umanità. Un dialogo che guarda a precisi sistemi teorici che ci piace rintracciare in una tensione tricefala che ha i nomi di Làszlò Moholy-Nagy, Walter Benjamin e Carlo Ludovico Ragghianti”.

Due gli eventi musicali, a cura del maestro Stefano Giuliano stasera, stasera 24 maggio alle 20,30,  suonerà il Tijuca Quartet, il 31 maggio, invece, sarà la volta dei Levia.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui