Al Massimo di Salerno il Barbiere di Siviglia diretto da Antonello Allemandi

Dicembre 17, 2018 0 Comments Cultura 350 Views
Al Massimo di Salerno il Barbiere di Siviglia diretto da Antonello Allemandi

Il Barbiere che attraversa i secoli- di Antonietta Doria-

Grande interesse la Massimo cittadino per il Barbiere di Siviglia, melodramma buffo in due atti,  su libretto di Cesare Sterbini e musiche di Gioachino Rossini. A Salerno, sul podio il direttore d’orchestra  Antonello Allemandi.

Il Conte d’Almaviva è stato interpretato dal Tenore Pietro Adaini, Don Bartolo  dal Basso Giovanni Romeo, Rosina dal Mezzosoprano Teresa Iervolino e Cecilia Molinari; Figaro, dal Baritono Massimo cavalletti, Don Basilio dal Basso George Andguladze; Berta  dal oprano Petya Tzoneva; Fiorello dal Baritono Luigi Cirillo, Ambrogio dall’Attore Umberto Salvato.

La regia è stata firmata  da  Michele Sorrentino Mangini , Maestro del coro Tiziana Carlini, scene di Flavio Arbetti, Costumi di Giusi Giuustuno. L’Orchestra Filarmonica Salernitana “Giuseppe Verdi” ed il Coro del Teatro “Giuseppe Verdi” di Salerno hanno dato anima all’opera.

Appena un mese, fu questo il tempo dato  dal Duca Francesco Sforza , impresario del Teatro Argentina di Roma, al compositore di Pesaro  per comporre la nuova opera.  Nell’opera rossiniana, andata in scena per la prima volta il 20 febbraio 1816, proprio al teatro Argentina, l’elemento  comico trova una sublimazione senza tempo; qui ad essere incarnato è il realismo della vita. Rossini indicò per la scelta de soggetto la commedia di Beaumarchais servita già a Petrosellini per il Barbiere di Siviglia di Paisiello e a Da Ponte  e Mozart per le loro Nozze di Figaro.

Nell’opera rossiniana, emerge Figaro, l’uomo nuovo assoldato dal Conte D’Almaviva per conquistare Rosina, gabbando i vecchi rappresentanti del mondo andato; don Bartolo tutore della fanciulla, Don Basilio il notaio suo alleato.  Rosina ci viene presentata  non più come  debole oggetto di persecuzione, ma personaggio volitivo. Una trama fitta ed un’ atmosfera viva e allegra fanno da snodo. Figaro con l’uso delle sue sole forze prova ad elevare il suo stato sociale e nonostante il  corso dei secoli il Barbiere di Siviglia piace, il personaggio di Figaro resiste a re, rivoluzionari, filosofi, incarnando in modo inconsapevole alcuni elementi fondanti del mondo borghese.

About author

Related articles

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply