Al Martucci di Salerno la rassegna Mater Countries Winter, dedicata agli studenti Erasmus

0
6

Ritorna la rassegna Mater Countries, il ciclo di concerti, a cura dell’Ufficio Relazioni Internazionali, dedicato ai circa 60 studenti stranieri del Conservatorio di Musica “Giuseppe Martucci” di Salerno, provenienti da paesi europei ed extraeuropei, tra cui Armenia, Bulgaria, Cina, Germania, Francia, Norvegia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Spagna, Turchia e Ucraina.

Giovedì 29 febbraio (ore 11) presso l’Aula 38 si terrà il “Mater Countries Winter Concert”, uno straordinario viaggio musicale tra culture e stili unici, dedicato in modo particolare agli studenti Erasmus che hanno completato il primo semestre di mobilità, e vedrà esibirsi, inoltre, anche coloro che hanno scelto di proseguire l’esperienza didattica come studenti regolari presso il Conservatorio di Salerno.

L’evento sarà preceduto dai saluti istituzionali del direttore, Prof. Fulvio Artiano, del vicedirettore e coordinatore delle relazioni internazionali, Prof. Ernesto Pulignano, e del presidente della Consulta degli studenti, Aniello Giuliano Amato.

La rassegna Mater Countries rappresenta un impegno tangibile del Conservatorio “Giuseppe Martucci” nel promuovere la collaborazione internazionale attraverso l’arte e la musica.

Per ulteriori informazioni e dettagli, si prega di contattare:

Ufficio Produzione

Conservatorio di musica “G. Martucci” di Salerno

089-241086 (int. 231)

 

PROGRAMMA

 

Saluti istituzionali:

Prof. Fulvio Artiano (Direttore)

Prof. Ernesto Pulignano (Vicedirettore e Coordinatore delle relazioni internazionali)

Aniello Giuliano Amato (Presidente della Consulta degli Studenti)

Wolfgang Amadeus Mozart, Durch Zärtlichleit under Schmeicheln (dal Singspiel Die Entführung aus dem Serail)

Wolfgang Amadeus Mozart, Ach ich fühls (dal Singspiel Die Zauberflöte)

Deniz Bilim, soprano

Francesco Pio Bakiu, pianoforte

 

Gioachino Rossini, Vorrei spiegarvi il giubilo (dalla farsa La cambiale di matrimonio)

Pu Tian, soprano

Ernesto Pulignano, pianoforte

 

Donizetti, Come Paride vezzoso (dal melodramma L’elisir d’amore)

Huang Yaosen, baritono

Ernesto Pulignano, pianoforte

 

Vincenzo Bellini, Eccomi in lieta vesta (dalla tragedia lirica I Capuleti e i Montecchi)

Barbora Kodešová, soprano

Zeynep Izgi, pianoforte

 

Clara Schumann, Er ist gekommen in Sturm und Rege, (from Sämtliche Lieder op.12)

Flavia Askevold, soprano

Francesco Pio Bakiu, pianoforte

 

Franz Schubert, Der Tod und das Mädchen

Georg Frideric Händel, L’empio, sleale, indegno (dall’opera Giulio Cesare in Egitto)

Berkin Kulac, contraltista

Francesco Pio Bakiu, pianoforte

 

Johannes Brahms, Intermezzo op. 117 n. 2

Zeynep Izgi, pianoforte

 

Ernest Chausson, La nuit. Rondel a 2 voix op.11 n.1

Flavia Askevold, soprano

Maria Francesca Magnotta, mezzosoprano

Michela Cirillo, pianoforte

Franz Schubert, Gretchen am Spinnrade D118

Richard Strauss, Morgen op. 27 n. 4

Barbora Kodešová, soprano

Zeynep Izgi, pianoforte

 

Fromental Halévy, Si la rigueur (dal grand opèra La Juive)

Wang Yifu, basso

Ernesto Pulignano, pianoforte

 

Frank Angelis, Comastor

Yuliia Humeniuk, fisarmonica

 

Matteo Tordiglione, fisarmonica

Loading

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!