Baronissi: presso “Casa della Poesia” si ricorda il poeta bosniaco Izet Sarajlic.

0
0

Domani, lunedì 8 febbraio, alle ore 20,30 presso Casa della Poesia a Baronissi, si darà il via ad un ciclo di proiezioni dedicato a Izet Sarajlic, che continuerà fino a marzo.
Nella programmazione di proiezioni, Visione d’autore, saranno proposti materiali, progetti che avevano interessato in qualche modo Izet Saeajlic, film che avevano catturato la sua attenzione, che erano entrati in connessione con lui, dal neo-realismo al grande cinema russo, dai registi bosniaci ai grandi classici francesi. Si procederà, dunque, con la visione di “Miracolo a Milano”, film di Vittorio De Sica del 1951, scritto da Cesare Zavattini.
Un viaggio, dunque, nelle visioni e nei ricordi di uno dei maggiori poeti europei del secondo Novecento per rileggerlo, per innamorarsene.
Poeta, storico e filosofo bosniaco, Sarajlic, di famiglia musulmana, si trasferisce a Sarajevo dove si laurea in Lettere e fonda “Gruppo 54”, movimento d’innovazione poetica. Durante l’assedio di Sarajevo, in cui perse due sorelle, è stato una delle pochissime personalità a voler rimanere nella città di cui apprezzava il carattere laico e multietnico. E’ nel 1997 che il poeta bosniaco è a Salerno per l’amicizia che lo lega ad Alfonso Gatto. Intreccia poi una collaborazione con “Casa della Poesia” di Baronissi, dove viene nominato presidente onorario. Muore nel 2002 e da quell’anno “Casa della Poesia” organizza a suo nome un Festival internazionale di Poesia nella capitale bosniaca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui