2 Novembre, “Sogno”

0
179

-di Giuseppe Esposito-

Sarà forse l’approssimarsi del giorno dei morti, la ragione per la quale il mio pensiero corre di frequente a mia madre. Sono quattro anni già che mia madre ci ha lasciati eppure, spesso, nel buio del primo mattino penso a lei e mi sembra di sognare.

Uno di quei sogni ad occhi aperti che sono più veri del vero. E questo sogno oggi mi piace raccontarlo, ma nella mia lingua madre, quella napoletana. La lingua in cui avvenivano i nostri dialoghi.

 

Viene ohi ma’

Ch’aggiu fatto ‘o café.

Siente ch’addore

ca se spanne p’ ‘a casa.

Viene

Ca t’aggio appriparata

‘a tazza e ‘o cucchiarino,

‘e biscotte, ‘a sarvietta

E ‘o bicchiere cu ll’acqua.

Puortete ‘e pinnule,

viene, pure ‘o cane t’aspetta.

Viene ca nce facimme

Quatte chiacchiere

Parlanno chianu chiano

Sulamente io e te.

Dinto a chesta penombra

Cu chella lucia miccia

Ca stà ‘ncoppo ‘a cucina.

Viene

E doppo ta vai a fa

N’atu suonno,

dinto a stanza ‘e nepoteta

chella ca stà a Milano.

Ma, ma che faie,

nu viene?

Che d’è can un rispunno?

He reèigliate suonno?

Vaco a vedè

Che tene,

dinto ‘a stanza ‘e mia figlia,

chella ca stà a Milano.

‘A porta è chiusa

Arapo

È tutto oscuro

pure ‘o lietto è vacante.

M’assetto e penso,

che fesso

chille so’ già quatt’anne

ca mammema

ha chiuse ll’uocchie.

Pe pare ajere

E io, tutte ‘e matine

Quanno so’ mponte ‘e cinche

Me faccio chistu suonno.

Vularrà diì quaccosa?

Ca forse

Chesta vota

Si’ tu c’aspiette a me?

 

 

 

Immagine: Amedeo Modigliani , Donna rossa, 1918.

Loading

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!