Retata a Sarno, 14 arresti. Salvini: “Grazie Polizia”

0
15

Salerno, Roma, Siracusa, Sarno: Polizia unita nella lotta al crimine-di Antonietta Doria-

Si tratta di una vera e propria retata, quella avvenuta ieri, a Sarno, grazie alla Squadra Mobile di Salerno, al Commissariato di Sarno, alle Squadre Mobili di Roma e Siracusa, su richiesta della Procura della Repubblica di Salerno,Direzione Distrettuale Antimafia ed Antiterrorismo, nei confronti di 14 indagati, 11 sottoposti alla custodia in carcere e 2 alla custodia domiciliare ed un indagato sottoposto alla sospensione della professione per 12 mesi.

Anche il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha twittato con soddisfazione commentando “Grazie Polizia”, alludendo anche agli altri 17 arresti avvenuti in provincia di Trieste.

Il tutto ha inizio con l’attentato subìto da un imprenditore del settore ittico operante nel mercato del pesce di Salerno, avvenuto il 5 dicembre 2017, sulla strada Litoranea,nel Comune di Eboli. L’autovettura su cui l’ imprenditore viaggiava fu infatti raggiunta da vari colpi di fucile a pallettoni calibro 12, da parte di un altro imprenditore operante sempre nel settore ittico che voleva evitare che il suo rivale acquisisse ulteriori società, estendendosi, come ha confermato l’attività investigativa.

Gli indiziati sono accusati dei reati di tentata estorsione aggravata, detenzione e porto abusivo di arma da sparo in luogo pubblico con relativo munizionamento a cui ha fatto seguito la misura cautelare della custodia domiciliare. Sia le armi che la sostanza stupefacente erano riconducibili a La Rocca Nicola, capo dell’organizzazione criminale. Costui è colui che voleva accaparrarsi il mercato degli stupefacenti a Sarno e zone limitrofe, avvalendosi della disponibilità di armi da utilizzare in attentati già progettati. Rintracciato ieri presso l’abitazione della fidanzata,  era destinatario dell’ordinanza cautelare perchè latitante per un provvedimento di esecuzione della pena di 14 anni in seguito alla sentenza di condanna per il reato di omicidio commesso quando era ancora minorenne.

Nell’ambito delle perquisizioni presso le abitazioni degli ingagati, sono stati rinvenuti e poi sequestrati 2 fucili a pompa calibro 12 ed una istola calibro 9.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui