Il branco colpisce a Pontecagnano: picchia a sangue un ragazzo

0
18

Nel pomeriggio del 10 settembre 2020, a Pontecagnano Faiano (SA), i Carabinieri della
Compagnia di Battipaglia hanno dato esecuzione all’Ordinanza di applicazione di misura
cautelare degli arresti domiciliari e del divieto di dimora nel territorio dei comuni della provinciadi Salerno, emessa dall’Ufficio del GIP del Tribunale di Salerno su richiesta della Procuradella Repubblica del capoluogo, nei confronti di quattro giovani, tutti gravemente indiziatidi concorso in lesioni personali gravi e porto ingiustificato di armi, in danno di un loro coetaneo, A.F. (classe 1999).

Il provvedimento scaturisce dall’esito delle indagini avviate dai Carabinieri della Sezione
Operativa di Battipaglia e della Stazione di Pontecagnano e dirette e coordinate dalla
Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, allorquando la sera del 7 agosto
2020, verso le ore 21.40, giungevano alla Centrale Operativa richieste di intervento in
Piazza Risorgimento per una lite in corso tra ragazzi, alcuni armati di mazze da baseball e
con una persona ferita e sanguinante giacente a terra.

I responsabili, identificati in ESPOSITO Anthony classe 1999 (con precedenti di polizia e
destinatario della misura custodiale degli arresti domiciliari), CIAPARRONE Felice classe 2001,AVAGLIANO Maurizio classe 1999, RUGGIERO Francesco classe 1998, (quest’ultimi
destinatari della misura cautelare del divieto di dimora), nel corso della rissa, cagionavano alla vittima, al momento dell’aggressione in compagnia di un amico minorenne (classe 2002),la lesione completa dell’arteria femorale dell’arto sinistro.

Le investigazioni, supportate dall’esito delle informazioni testimoniali raccolte sulla scena
del crimine e dall’analisi dei tabulati telefonici, ricostruivano il movente dell’aggressione,
da ascrivere a questioni di carattere sentimentale, ovvero alla cieca gelosia di uno degli
indagati esplosa a seguito della richiesta di amicizia che la ex fidanzata aveva rivolto
all’amico minorenne della vittima su un sito social.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui