Fisciano: una bimba di due anni vola giù dal terzo piano, arrestato il padre.

0
27

Nelle ottobrate i bimbi vanno al parco con mamma e papà per godere degli ultimi raggi di sole caldo. Vanno al mare. Giocano. E’ domenica mattina, dormono un pò di più e poi, tutta una giornata di festa da vivere.

Invece c’è una bimba di due anni che oggi intorno alle 9,30 ha fatto un volo di una ventina di metri precipitando dal terzo piano.

Siamo in Corso San Vincenzo, al centro di  Fisciano, in provincia di Salerno.

In cielo c’è un sole caldo ma lei giace sull’asfalto.

La corsa dell’ambulanza da Fisciano al Ruggi d’Aragona di Salerno, rivelerà che la bimba è fuori pericolo, la caduta è stata attutita da una rete di ferro e dalle corde dei balconi utilizzate per stendere il bucato.  La bimba è stata poi  trasferita al Santobono di Napoli per un intervento chirurgico per la frattura scomposta dell’omero.

Ma come fa una bimba a precipitare da un terzo piano?

Le indagini sono coordinate dal PM Roberto Lenza della procura di Nocera Inferiore. Ad essere in stato di fermo è il padre della piccola, quarantenne, dipendente pubblico che è stato condotto nel carcere di Fuorni. L’Autorità Giudiziaria sostiene infatti che l’uomo avrebbe lanciato o spinto la bimba, dopo averla cambiata, fuori  dalla finestra della sua abitazione. Un lancio nel vuoto. Dunque l’accusa è di tentato omicidio.

Secondo le ricostruzioni, in casa c’era anche la madre della piccola, sentita dai Carabinieri della Compagnia di Mercato San Severino. Basita la comunità di Fisciano, incredula, addolorata per il folle gesto del genitore. Cosa può spingere un padre a tutto ciò?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui