E Salerno si accende di luci

0
33
“Fiori, neve e stelle”- di Antonietta Doria-
E’ questo il tema dell’anno 2019, Fiori, neve, stelle…una esposizione en plein air d’opere d’arte luminosa  installate nei parchi, nelle strade, nelle piazze della città della Scuola Medica Salernitana. Qui troviamo onde marine e fiori tropicali, costellazioni e pianeti, giocolieri ed orsetti volanti, sculture di luce e renne

E’ questo il consueto appuntamento annuale che si snoda in un percorso di luci, colori ed atmosfere per oltre 40 chilometri di cavi con circa cinque milioni di lampadine led a basso consumo energetico.  Dalle ore 17,00 alle ore 02,00 di ogni giorno è possibile, grandi e piccoli, condividere insieme la magia delle luci tra  materiali ecosostenibili e riciclo ed illuminazioni  a basso consumo energetico. Questo appuntamento annuale invita a stare insieme, ad uscire per le strade.Luci d’Artista Salerno trae ispirazione dall’analogo evento di Torino. La suggestione di quelle installazioni che lasciarono a bocca aperta i visitatori in occasione delle Olimpiadi Invernali 2006 convinse il Sindaco dell’epoca Vincenzo De Luca, oggi Presidente della Regione Campania, ad installare le Luci d’Artista anche nelle strade della città campana. Una sorta di gemellaggio luminoso tra Salerno e Torino che nel corso della loro storia sono state entrambe  Capitali d’Italia.  La manifestazione Luci d’Artista è organizzata dal Comune di Salerno, Sindaco Vincenzo Napoli, con il sostegno della Regione Campania.

La Villa Comunale di via Roma, ospita Lo Zoo che vorrei, con il suo elefante luminoso alto 8 metri, una sorta di foresta incantata con l’Arca di Noè che inneggia ad una serena convivenza tra l’uomo ed ogni altra creatura vivente. A Piazza Sant’Agostino tra il Lungomare e la Cattedrale dell’anno Mille, il tema rimanda alle tradizioni della Costiera Amalfitana, al mare, con i colori della Divina Costiera, tra mare e pesca, commercio, con i colori preziosi di questa terra e con l’immancabile giallo dei limoni sfusati.
Piazza Flavio Gioia è diventata una Foresta Dorata dove a dominare la scena è un albero.Intanto sul lungomare e sulla spiaggia di Santa Teresa, accanto a Moonlight, l’ pera realizzata da Luca Pannoli. Alberi di Neve in Corso Garibaldi e Cascate di luce in Corso Vittorio Emanuele accendono i principali corsi cittadini

Enrica Borghi firma un’opera completamente costruita con fondi di bottiglie di plastica recuperati. Il suo Mosaico è installato tra i vicoli del Centro Storico, è un forte monito alla salvaguardia del pianeta Terra devastato dalle mutazioni climatiche, dal saccheggio delle risorse naturali, dall’uso indiscriminato della plastica.

Le cose del Mondo di Ugo Nespolo attendono i visitatori lungo via Trento e Via Posidonia  l’asse principale che collega la zona orientale con il centro cittadino.  In via Santa Margherita e via Amendola ecco Cyrcus di Luca Pannoli.  Eduardo Giannattasio ha realizzato le opere luminose che s’ispirano al racconto evangelico: La Natività sulla Chiesa di San Pietro in Camerellis; l’Annunciazione sulla Chiesa del Sacro Cuore. Il mito di Nello Ferrigno impreziosisce via Pietro del Pezzo

Non possono mancare il maxi albero di Natale in Piazza Portanova, i cortei angelici intorno alla Cattedrale del Santo Patrono Matteo, le installazioni scintillanti

In  Villa Comunale  vi è Lo Zoo che vorrei,  è quì che qui che appare un elefante luminoso di otto metri. Sul Lungomare e sulla spiaggia di Santa Teresa accanto a Moonlight, l’pera realizzata da Luca Pannoli, compaiono buffi pinguini.Alberi di Neve in Corso Garibaldi e Cascate di luce in Corso Vittorio Emanuele accendono di magia i principali corsi cittadini.

Intanto, il Complesso Monumentale dell’Addolorata ospita la bella esposizione immersiva dedicata a Van Gohg. Al Giardino della Minerva, orto botanico della Scuola Medica Salernitana, è sempre possibile conoscere  le antiche essenze medicamentose e salutari che si possono acquistare o degustare in un’accogliente punto ristoro. Ed al tramonto va in scena Lumina Minervae.

Il Teatro Municipale Giuseppe Verdi diretto da Daniel Oren mette in scena Boheme di Giacomo Puccini, il Concerto di Natale delle Voci Bianche, il doppio Concerto del 1 Gennaio, Musica sotto l’Albero in Piazza Portanova  dove si esibiranno anche cori natalizi, bande musicali, orchestre jazz e pop.

La notte di San Silvestro Concertone di Capodanno in Piazza Amendola per festeggiare insieme l’inizio del nuovo anno con i big bella grande musica italiana mentre a Piazza della Concordia campeggia la gigantesca ruota panoramica che, con i suoi 60 metri di altezza regala una visione mozzafiato della città e del golfo di Salerno.

Foto a cura della pagina facebook del Comune di Salerno

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui