Fials: Richiesta di esecuzione “TamponeCovid19” per il personale sanitario

0
617

E’indirizzata al Governatore della Regione Campania, al Ministro della Salute, all’Assessore alle Politiche Sociali della Regione Campania, al Commissario Straordinario AOU Ruggi, al Direttore Generale Asl Salerno la lettera inviata dalla Fials  con oggetto “Richiesta di esecuzione “Tampone Covid19″. La richiesta di sottoporre tutto il personale al tampone per la ricerca del Covid 19, a firma del Segretario Provinciale Generale, Salvatore di Candia  e del Segretario Provinciale Aggiunto Armando Porcelli, appoggiata dal dr Mario Polichetti, Responsabile Provinciale Fials, si è resa necessaria ” alla luce della notevole diffusione del contagio tra gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale.”

Si richiedono urgentemente i protocolli di sicurezza anticontagio, “Infatti” come si legge nella richiesta, “molti Enti ed Aziende Sanitarie del nostro Paese (Lombardia, Sicilia), stanno procedendo a sottoporre a -Tampone Covid19- tutto il personale esposto direttamente o indirettamente a possibile contagio, anche al fin di far fronte a condizioni psicologiche e di stress lavorativo a cui sono esposti giornalmente gli operatori, molto spesso anche privi dei dispositivi di protezione individuale”.

Bisogna infatti tener conto della possibilità di soggetti asintomatici che ovviamente diventano invisibili vettori di contagio e gli operatori sanitari sono i primi ad essere esposti, lavorando “in trincea”. Diversi sono i casi di quarantena tra gli operatori, si ricorda nella richiesta, come quelli verificatisi a Sarno, Eboli, Polla. Si chiede urgenza.

A questo, aggiunge il Segretario Porcelli “il mio personale appello è al Governatore De Luca che deve, a mio avviso, cambiare strategia e fare dei dispositivi di sicurezza e del tampone Covid 19 una priorità assoluta. Sono incredulo che il Consigliere alla Sanità  nominato da De Luca non abbia pensato alla tutela del lavoratori che stanno combattendo “al fronte” e  che possono essere veicoli di Covid 19 per pazienti, colleghi, e, tornando a casa, per i loro cari. Quando c’è un alluvione si mettono sacchi di sabbia innanzi alle porte più esposte per evitare che l’acqua entri, qui dov’è la protezione?”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui