Covid-19, Conte: “proroga delle restrizioni fino al 13 Aprile”

0
8

Una nuova conferenza stampa da Palazzo Chigi conferma la proroga delle restrizioni per l’emergenza Covid-19 fino al 13 Aprile. “Non siamo nelle condizioni di dire che il 14 Aprile allenteremo le misure- ha affermato il Premier- quando gli esperti ce lo diranno, entreremo nella Fase 2 di allentamento graduale per poi passare alla Fase 3 di uscita dall’emergenza”.

Firmato dunque il nuovo decreto fino al giorno di Pasquetta perché si tratta come ha detto Conte di “una ferita che mai potremo sanare: non siamo nella condizione di poter allentare le misure restrittive e alleviare i disagi e risparmiarvi i sacrifici a cui siete sottoposti”.

Nell’ambito della conferenza ovviamente non è mancato il riferimento a quella “sparuta minoranza di persone che non rispetta le regole”, infatti sono severe le sanzioni messe in atto e onerose. Poi è stato sottolineato che non è stato autorizzato il passeggio con i bambini ma, andando a fare la spesa, è consentito portare un bambino. Arriva poi lo stop agli allenamenti degli allievi professionisti “onde evitare che le società sportive possano pretendere l’esecuzione di una prestazione sportiva anche nella forma di un allenamento. Ovviamente gli atleti non significa che non potranno più allenarsi: non lo faranno in maniera collettiva ma individuale”

Dunque si chiede alle popolazioni un ulteriore sforzo, un ulteriore sacrificio altrimenti tutti quelli fatti fino ad ora sarebbero stati vani. E’ questo un modo per rispettare, come ha detto Conte, il personale medico esposto ai contagi, uno sforzo che ci consentirà di valutare una prospettiva nel momento in cui i dati saranno diversi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui