Costiera in lutto, è morto Raffaele Ferraioli ex sindaco di Furore

0
125

-Claudia Izzo-

Incredula la comunità della Costiera Amalfitana per la notizia di poco fa: dopo un malore improvviso durante il pranzo a Vico Equense, è morto presso l’ospedale della stessa località napoletana, Raffaele Ferraioli, l’ex sindaco di Furore.

Una vita dedicata alla promozione e salvaguardia del suo territorio: classe ’42, albergatore, Ferraioli era animato da un grande  passione per la politica e per il turismo. Dopo la qualifica di perito tecnico ha insegnato tecnica turistica all’IPas di Salerno, è stato vicepresidente del Distretto Sanitario di Amalfi, USL SA; consigliere comunale prima, assessore al turismo poi; Presidente della Comunità  Montana, sindaco democristiano di Furore per ben 39 anni.Ha promosso i Patti Territoriali della Costa d’Amalfi, è stato il socio fondatore e vicepresidente del club de “I Borghi più belli d’Italia” e dell’Associazione Italiana dei Paesi Dipinti”.

Al nome di raffaele Ferraioli  è legato il riscatto del suo territorio che egli stesso si è impegnato a ricreare per ciò che concerne turismo enogastronomico lanciando la denominazone  Costa d’Amalfi per indicare vini doc prodotti in Costiera Amalfitana nelle sottozone di Furore, Ravello e Tramonti; Ferraioli fu il primo firmatario dell’istanza  per il riconoscimento della Costiera Amalfitana come Patrimonio Mondiale Immateriale dell’Unesco; fu lui ad istituire il Premio Furore di Giornalismo assegnato direttamente dalla Giunta Comunale,  fu lui a sognare un ascensore nel Fiordo, quello stesso Fiordo con le sue atmosfere che vide sbocciare l’amore tra Roberto Rossellini e Anna Magnani che proprio a Furore vissero il loro amore passionale e tempestoso.

Ferraioli ha scritto libri sul territorio, ha amato il suo territorio.Oggi la Divina tutta ha perso un punto di riferimento.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui