Coronavirus. Appello di Polichetti (Fials) al Rettore “qui non si vedono medici”

0
526

“Come rappresentate del sindacato e come forza politica, vedendo che in altri policlinici i medici si offrono in un momento così delicato, mi chiedo perchè al San Giovanni di Dio e Ruggi d’ Aragona  non si veda nessuno.”

A parlare, lanciando un appello al Rettore, Prof Vincenzo Loia, è il dr Mario Polichetti, Dirigente Medico del Reparto di Ginecologia e Ostetricia presso il Ruggi di Salerno, Responsabile Provinciale Sanità ed Enti Locali Fials, Responsabile Nazionale per l’Ufficio Politiche Sociale e Socio Sanitarie dell’Udc.

Molti medici, 8.000 adesioni in Lombardia da tutta Italia, non ci hanno pensato due volte ed hanno risposto subito all’appello per la creazione di una “task force” contro l’epidemia che ha messo in ginocchio il mondo. Atto d’amore e d’orgoglio  per quei medici che stanno facendo appello alla loro coscienza ed a quel giuramento prestato andando indietro nel tempo. Al nosocomio salernitano,  invece, il dr Polichetti lamenta l’assenza di giovani medici e specializzandi, presenze fondamentali in questo momento critico.

“Al Ruggi non si vedono medici laureati e specializzandi.”, prosegue Polichetti. “Il mio appello è rivolto al Rettore dell’Università, Prof. Vincenzo Loia, visto che la nostra azienda ospedaliera è integrata all’Università. Non ci dispiacerebbe in questo momento critico avere una mano dall’Università come “forza lavoro”. I rapporti non possono essere unilaterali, da qui il concetto di “integrazione”. E’ nel momento di difficoltà che si valuta lo spessore umano e professionale soprattutto di un medico. Signor Rettore, avevamo due specializzandi in reparto, perchè non si vede più nessuno? Il tutto è dovuto ad un atto ufficiale? Qui c’è bisogno di aiuto, oltre che di sicurezza.”

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui