CISL FP di Salerno: “Per il Governo la vita vita degli operatori di Polizia Locale vale pochi centesimi di euro”

0
287

Nell’assegnazione delle risorse economiche per sanificazione e lavoro straordinario a carico della Polizia Locale previste per il contenimento dell’emergenza sanitaria dovuta dal Covid 19, la stima del governo sulla vita degli operatori è quantificata in soli pochi centesimi di euro – affermano con sdegno Miro Amatruda e Vincenzo Della Rocca rispettivamente Segretario provinciale e Coordinatore della Polizia Locale per la CISL FP di Salerno.

Nella seduta straordinaria del 15 aprile 2020, la Conferenza Stato-Città ha approvato gli schemi di riparto degli art.114 e 115 del D.L. n.18/2020 c.d. “Cura Italia” e si resta indignati nel verificare gli importi a dir poco ridicoli assegnati ai Comuni della Provincia di Salerno per far fronte alle attività pretese e rese dagli Agenti della Polizia Locale. Si è preteso che il Corpo della Polizia Locale fosse equiparato alle altre forze di Polizia del Paese per controllare che le disposizioni Governative e Regionali fossero rispettate evitando assembramenti, e molti agenti specialmente quelli appartenenti ai piccoli Comuni hanno dovuto sobbarcarsi di un lavoro immane, in molti casi con sistemi di protezione individuale scarni se non addirittura inesistenti. Alla fine come spesso succede nel nostro Paese a chi fa più del proprio dovere e si prodiga per la tutela degli altri come nel caso della Polizia Locale, riceve oltre al danno anche la beffa, e cioè che l’equiparazione è avvenuta solo per quanto concerne il dovere e non per quanto riguarda il diritto alla giusta retribuzione per l’attività svolta visto le ridicole somme trasferite agli Enti Locali. Nella consapevolezza, che in molti Enti Locali della nostra Provincia nei bilanci non è prevista di solito l’allocazione delle risorse per lavoro straordinario, vuoi per motivi di poca disponibilità di risorse economiche, sia per la stringente normativa che regola la quantificazione del salario accessorio, chiediamo a tutti i comuni di Salerno e provincia – concludono Amatruda e Della Rocca – di finanziare le risorse necessarie da aggiungere a quelle a dir poco ridicole a loro trasferite, per liquidare il lavoro straordinario richiesto e reso da tutti gli agenti della Polizia Locale in questo periodo emergenziale, tenuto conto che il Decreto Cura Italia dà la possibilità di andare in deroga ai vincoli del decreto legislativo 75/2017, al fine di non mortificare la dignità di questi lavoratori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui