Arte e Sacralità: in polistirilo il nuovo trono del Santo Patrono

0
9

Nuovi elementi aggiunti-

Un’impresa epica. Quasi quattro  mesi di lavoro, tre  professionisti tra scultori e pittori, due  macchine a taglio CNC sempre in azione e 1 solo grande obiettivo, rimanere nella storia. Questa l’ambiziosa impresade Il Polistirolo.it, che con grande maestria e una buona dose di audacia ha portato a compimento ilnuovo basamento per il Santo Patrono di Salerno. Azienda leader di settore, realizza prodottipersonalizzati per l’edilizia, scenografie, interior design, allestimenti fieristici, lettering, insegne,decorazioni e sculture riuscendo a produrre, per ogni lavoro, dei veri pezzi unici da immettere sulmercato locale e non solo.

Un nuovo “trono” per San Matteo, per dare ancor più luce e maestosità alla statua simbolo della fede religiosa e dell’appartenenza cittadina per tutta la comunità di Salerno. Il nuovo basamento per l’effige dell’Apostolo ed Evangelista porta la firma di Stefano Vestuto e della sua ditta Il Polistirolo.it, cui i componenti dell’Associazione San Matteo hanno affidato il compito di realizzare una piccola “rivoluzione” mai vista in 50 anni. Sfida accettata con ambizione da Stefano e dal suo staff (Nunzio Incisivo, Vincenzo Di Giuda, Angela Lodato, Daniela Arcaro e Marco Vestuto). “È stata quasi una scommessa – afferma Stefano Vestuto – soprattutto perché il materiale scelto non è
stato mai utilizzato prima d’ora, in genere si pensa sempre a qualcosa più ‘nobile’, come il legno”.

Nuovo materiale ma con peso aggiunto. “La paranza di San Matteo ci tiene particolarmente che il peso del basamento che reggerà la statua non diminuisca. Perché la fede implica anche sforzo, E’ sofferenza.un’espressione di devozione”.
Inoltre, novità nella novità, il team del Il Polistirolo.it ha pensato di introdurre alcune particolarità aggiunte, al fine di omaggiare Salerno e i suoi cittadini. Ogni piede del basamento avrà un simbolo tipico della città. Quattro in totale. Ci sarà l’ippocampo, icona della Salernitana Calcio; una stella marina; un delfino e il pesce di Largo Campo. Ogni dettaglio sarà scolpito a mano. “È un motivo d’orgoglio per noi poter provare ad abbellire la statua del Santo Patrono della nostra città”commenta emozionato Stefano. Per quanto riguarda il materiale, considerati i tempi di realizzazione dell’opera, il polistirolo è stata la scelta più opportuna. “È leggero, facile da trasportare e damontare, è estremamente versatile. Lo possiamo verniciare, resinare, stampare, accoppiare con altri materiali. Cerchiamo sempre una soluzione su misura per gestire al meglio le necessità che il cliente ci chiede”.

L’idea di commissionare l’opera a Vestuto, e puntare sul polistirolo, è frutto dell’intuizione dell’Associazione San Matteo, che si è autofinanziata per sostenere i costi di lavorazione del basamento. Ed è proprio sotto gli occhi vigili di Consolato Esposito, membro della paranza che porterà il Santo Patrono, che si sono ultimati gli ultimi preparativi prima di lasciare la sede dell’azienda salernitana e preparare il Santo Patrono alla sua celebrazione. “L’idea di puntare suquesto materiale ci è venuta vedendo diverse ristrutturazioni edili applicate anche su palazzi storici, abbiamo deciso di effettuare questo stravolgimento per rendere la statua ancora più bella a cospetto dei tanti fedeli di San Matteo. Sarà lui il protagonista” commenta Esposito.
La nuova struttura, inoltre, permetterà anche l’incremento dell’impianto luci, oltre che l’aumento di
decorazioni floreali, affidate alle sapienti mani del fiorista  Gianluca Apicella.

Redazione SalernoNews24.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui